The news is by your side.

«La Regione Puglia deve stanziare più fondi per l’Agenzia della Casa»

4

«Chiederemo alla Regione Puglia di aumentare le quote stanziate alle Province relative all’Agenzia della Casa per gli immigrati. I fondi possono essere recuperati dagli attuali stanziamenti che vengono destinati all’interno dei Piani Sociali di Zona nel capitolo riservato agli immigrati

Da quando Benvenuto Grisorio è stato nominato presidente della Commissione servizi sociali dell’Unione Province Italiane Puglia, ha un solo obiettivo in mente: «Fare di tutti per integrare i cittadini stranieri e garantire loro ogni tipo di assistenza, con la speranza che possano vivere meglio e diventare a loro volta i protagonisti della vita sociale». L’assessore provinciale alle Politiche Sociali, quindi, in occasione della presentazione di “Aggiungi un mondo tavola” disegna la sua idea di accoglienza degli immigrati, immagina come dovrebbe essere la “rete” formata da tutti gli enti, le associazioni, le realtà impegnate nel campo dell’immigrazione. Una “rete” che «spesso non funziona, che non fa sistema, che disperde le tante attività di solidarietà che si sviluppano». E questo, dunque, oltre all’Agenzia della Casa, è uno dei primi obiettivi a cui ha lanciato lo sguardo Grisorio. In primo luogo, è quasi fatta per il taglio del nastro dell’Help Center, la struttura che dal mese di giugno sarà attiva all’interno della stazione di Foggia per essere il primo punto di riferimento per tutti i cittadini stranieri che non sanno come orientarsi in Capitanata. «L’Help Center – spiega l’assessore e presidente dell’Upi – avrà il compito di fornire informazioni utili su centri di accoglienza, mense, posti-letto, servizi sanitari e altro ancora». Ma il centro informativo che sarà gestito dall’associazione del Fratelli della Stazione «dovrà agire come cuore pulsante e punto di raccordo con il nuovo sportello per gli Immigrati gestito da dipendenti della Provincia che offrirà mediazione linguistica e legale ed il Centro Interculturale Baobab». D’altronde, è lo stesso Grisorio che ricorda un dato preoccupante ed allarmante: «Foggia è una città dove tanta gente continua a dormire per strada, senza un tetto sulla testa e noi siamo chiamati a dare risposte. Molti di questi poveri – rileva – sono immigrati che non hanno nulla. Altri, invece, hanno dei soldi per acquistare o affittare un appartamento, ma serve qualcuno che faccia da garante, che li aiuti in questo tipo di operazione». Ed i 16mila euro che da due anni la Regione Puglia gira a Palazzo Dogana per il progetto dell’Agenzia della Casa «sono buoni, ma pochi». Per questo, in qualità di presidente dell’Upi regionale l’assessore consegnerà a via Capruzzi la richiesta di «aumentare le quote stanziate alle Province relative all’Agenzia della Casa per gli immigrati. I fondi possono essere recuperati dagli attuali stanziamenti che vengono destinati all’interno dei Piani Sociali di Zona al capitolo riservato agli immigrati». In pratica, questa Agenzia avrebbe il compito di informare e sostenere i cittadini stranieri che mirano ad acquistare o affittare una casa, magari creando anche una sinergia con la Banca Etica. «L’iniziativa che presentiamo oggi (ieri; ndr) è importante – conclude Grisorio – perché è una delle cose che stiamo facendo per integrare gli immigrati, per farli sentire presenza viva nel territorio».