The news is by your side.

Atletico Vieste: dall’esaltazione del calcio mercato alla delusione dei primi “no”!

3

Ore 19:00 di venerdi 8 giugno..arriva una telefonata del Presidente dell’Atletico Vieste che deluso annuncia ufficialmente il no di Francesco Cannarozzi alla squadra viestana:

“ho incontrato Cannarozzi mercoledi pomeriggio (6 giugno) e da parte del giocatore non c’è stata una risposta negativa..anzi quasi un “si” di stima..poi ho appreso dalla stampa la notizia ufficiale, ora siamo tutti amareggiati..ma non con Francesco Cannarozzi che comunque aveva manifestato un certo interesse..hanno influito altri fattori extracalcistici”. E Spina continua:

“La nuova stagione calcistica inizia sotto cattivi presagi, i ritardi dei lavori al “Riccardo Spina” ci costringeranno a modificare tante cose..forse anche la campagna acquisti!”

La notizia della permanenza di Francesco Cannarozzi a Lucera ha spiazzato un po’ tutti dai tifosi del Lucera, che pensavano ormai di aver perso il loro beniamino agli addetti ai lavori, che avevano dato per certa la partenza del bomber e soprattutto i suoi possibili acquirenti, Atletico Vieste in primis.  Uno dei più delusi del mancato approdo a Vieste di Cannarozzi è proprio il tecnico della squadra dell’Atletico Vieste, Michele Mimmo che, contattato telefonicamente, non ha nascosto la sua delusione."Apprendo da voi che Francesco Cannarozzi ha deciso di rimanere a Lucera, a dire la verita è una decisione che mi aspettavo ma che mi lascia ugualmente l’amaro in bocca. Personalmente non ho mai creduto alla reale opportunità di acquistare Cannarozzi perchè è un ragazzo di 31 anni che merita categorie importanti e scendere di categoria lo ritenevo difficile come poi si è verificato. Purtroppo questa decisione, è inutile nasconderlo, ci spiazza, molti calciatori che mi avevano dato la loro disponibilità a trasferirsi a Vieste non li ho più contattati perchè si dava quasi per scontato l’arrivo di Cannarozzi. Ora ci ritufferemo sul mercato sperando di trovare l’attaccante giusto per noi.".

                                                                    Michele Mascia