The news is by your side.

Prevenzione della dispersione scolastica e del bullismo, partito il progetto “Lara”

2

È partito il progetto "Lara". Il laboratorio per le aggregazioni e le relazioni per l'infanzia e l'adolescenza ideato dall'assessorato provinciale alla Pubblica Istruzione retto da Giuseppe De Leonardis e dall'Università di Foggia con l'obiettivo di intervenire sulla dispersione scolastica, prevenire i fenomeni di abusivismo ed emarginazione, rafforzare la cultura del confronto e del dialogo. Sono questi gli obiettivi prioritari del progetto Lara
"Con questo progetto abbiamo voluto dare vita ad un'azione strategica per supportare il lavoro delle scuole e dei docenti di Capitanata per migliorare le metodologie pedagogiche, il clima di classe e dare ai ragazzi nuove possibilità per esprimere le loro potenzialità. Con "Lara" ci poniamo l'obiettivo di mettere i ragazzi nelle condizioni di acquisire nuove competenze utili per porsi in relazione con il mondo del lavoro", spiega De Leonardis. Il fulcro del progetto è nella "Peer education" (apprendimento tra pari) per favorire percorsi di apprendimento individuali.
Il percorso operativo di "Lara" prevede il coinvolgimento di due o più classi per volta di scuole superiori, medie o elementari accompagnate da uno o due docenti. Le azioni del progetto si svolgeranno presso la struttura "Caserma Jacotenente" di Vico del Gargano e avranno una durata di tre giorni. Il gruppo di studenti sarà guidato da due esperti della materia affiancati da un osservatore.
Saranno affrontate, attraverso la metodologia didattica dell'apprendimento di gruppo, varie tematiche: esplorazione delle dinamiche di gruppo, peer education, lavoro di gruppo, autoimprenditorialità, educazione ambientale, comunicazione.
Il progetto avrà ufficialmente inizio dal 13 al 15 giugno presso l'istituto "Enrico Mattei" di Vieste dove 22 ragazzi della classe "IV B" dell'istituto "Poerio" di Foggia si recheranno a Vieste dove avranno modo di confrontarsi con Flavio Montanari, docente di didattica generale dell'Università degli Studi di Bologna, Anna Erika Ena, docente dell'Università di Foggia.