The news is by your side.

Daunia Vieste: confermato D’Accia allenatore anche per la prossima stagione

3

La Daunia Vieste stronca sul nascere tutte le ipotesi riguardante il cambio dell’allenatore, si era scatenata una vera caccia al “tecnico”..che aveva quasi disturbato l’ambiente, una sorta di provocazione anche per scoprire la nuova strategia della società del patron Antonio D’Aprile.

Breve e coinciso il colloquio poi le tanto attese dichiarazioni: “voglio confermare tutti..nessun escluso per il prossimo campionato di seconda categoria ha dichiarato D’Aprile e quindi continueremo a giocare nel segno della lealtà sportiva e del divertimento”.

Sagge quindi le parole del team manager Matteo Sciannamè che un po’ aveva anticipato la decisione del presidente “non vogliamo metterci in competizione con nessuno..abbiamo l’entusiasmo giusto e l’organizzazione per affrontare un campionato difficile come la seconda categoria..lo faremo con i giocatori viestani ed in grande economia..come si faceva una volta”!!!

Naturalmente da queste dichiarazioni che vanno a spazzare via tanta nebbia, esce rafforzato il tecnico Giorgio D’Accia che viene confermato con la lode e resterà alla guida della Daunia Vieste anche nel campionato di seconda categoria.

Giorgio D’Accia al riguardo ha commentato positivamente il “sì” del suo presidente: “in questo periodo si legge di tutto e quindi non ho dato peso ad alcune voci che mi volevano fuori dalla squadra..sono bastate due parole col patron Antonio D’Aprile per porre fine alla commedia”..aver deciso di confermare tutta l’organizzazione ed il gruppo dei giocatori…è stato un giusto premio a quanti stanno interpretando il calcio con grande passione..ora dobbiamo pensare ad allestire una buona squadra e lavorare con tanto impegno”.

Il mercato della Daunia Vieste sarà limitato al parco giocatori locali, Vincenzo Valentini e Luigi Troia ed alcuni giovani dell’Atletico Vieste i possibili movimenti, questo anche per confermare la volontà del patron D’Aprile che vuole una squadra tutta di giocatori viestani.

                                                       Michele Mascia