The news is by your side.

Fisco – I pagamenti entro lunedì

3

Entro il 18 giugno occorrerà effettuare i versamenti che risultano dalla dichiarazione, sia quelli a saldo relativi al 2006, che l'eventuale primo acconto per il 2007  

Per i contribuenti si avvicina il grande appuntamento con il fisco: entro lunedì prossimo, 18 giugno, occorrerà infatti effettuare i versamenti che risultano dalla dichiarazione, sia quelli a saldo relativi al 2006 che l'eventuale primo acconto per il 2007. La scadenza riguarda tutti i contribuenti ad eccezione di quelli sottoposti agli studi di settore per i quali è stata annunciata una proroga di 20 giorni. Ma l’appuntamento – ed è la vera novità di quest’anno – riguarda anche il versamento dell’Ici, che fino allo scorso anno doveva essere fatto entro il 30 giugno ed ora è stato anticipato. Sull'Ici, inoltre, altre novità sono in arrivo con il disegno di legge sulle liberalizzazioni che cancella (ovviamente dopo che sarà approvato definitivamente) l'obbligo della dichiarazione e della comunicazione Ici.
– VERSAMENTI IL 18 GIUGNO. Per i contribuenti che non dovessero riuscire a rispettare la scadenza c'è la possibilità di continuare a versare con una maggiorazione dello 0,4% fino al 18 luglio. Scaduto anche tale termine scattano le sanzioni. Il contribuente comunque può sempre utilizzare il cosiddetto ravvedimento operoso e versare tardivamente a condizione che l’amministrazione fiscale non abbia avviato già i controlli.
– STUDI SETTORE, PROROGA. I contribuenti ai quali si applicano gli studi di settore avranno quest’anno 20 giorni di tempo in più a partire dal 19 giugno per effettuare i versamenti. I 20 giorni si intendono prorogati anche relativamente alla maggiorazione dello 0,4%.
– COMPENSAZIONI ICI. I contribuenti potranno utilizzare l'eventuale credito Irpef risultante dalla dichiarazione per pagare l’Ici per il 2007.
– SCADENZE UNICO. La scadenza per chi presenta il modello Unico cartaceo a banche e Posta resta il 2 luglio; è per il 31 luglio la scadenza per l’invio telematico del modello Unico da parte delle persone fisiche non Iva. Si va al 10 settembre per l'invio di Unico da parte di società di capitali, soggetti equiparati, enti non commerciali, mentre slitta al 25 settembre l'invio telematico da parte delle persone fisiche titolari di redditi d’impresa, lavoro autonomo e di partecipazione, e da parte di società di persone, associazioni tra artisti e professionisti, società semplici e soggetti equiparati.