The news is by your side.

Paolo Agostinacchio si dimette da Alleanza Nazionale

42

'La confusione politica, culturale, in senso lato, ideologica esistente in AN trova solare esemplificazione non solo nell'incontro tra Ronchi, portavoce di AN, e Daniele Capezzone, radicale, ma anche in quelli con Di Pietro e Segni in una sorta di riedizione della sciagurata avventura del 1999 con l'inserimento dell'elefantino nel simbolo alle elezioni europee'. E' quanto afferma Paolo Agostinacchio, ex-sindaco di Foggia, che rassegna le proprie dimissioni da AN, riconfermando fiducia a Francesco Storace, leader della Destra, alla quale aderisce. Secondo Agostinacchio 'Alleanza Nazionale non significa più Destra. In AN oggi' – scrive in un comunicato – ' si può sostenere tutto ed il contrario di tutto, dal laicismo all'eutanasia, dalla legittimazione delle unioni di fatto al riconoscimento delle coppie gay'. 'Io e tanti amici' – conclude – 'avvertiamo forte l'esigenza di testimoniare la presenza di una destra politica, soprattutto autentica, moderna, europea, in linea con le nostre migliori tradizioni'.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright