The news is by your side.

Ancora una battuta d’arresto della Daunia Vieste

12

Spesso diventa troppo facile commentare certe sconfitte, accompagnarle con le dovute critiche senza però tener conto delle attenuanti che nel calcio ci sono sempre.

Nel caso specifico della Daunia Vieste le attenuanti ci sono tutte e quindi questo risultato seppur clamoroso era nell’aria, i giocatori dopo una settimana “turbolenta” non avevano la testa per affrontare una partita così delicata e quindi si sono presentati  “disarmati” di quell’orgoglio necessario per superare certi ostacoli.

Gara senza storia sin dall’inizio con gli ospiti bravi a capire la fragilità dei viestani e quindi approfittarne con una certa spietatezza, i viestani sin quando ha retto l’orgoglio hanno retto al confronto tanto che sono riusciti a pareggiare l’iniziale vantaggio dell’Ordona.

Poi il tramonto ed il buio assoluto…risultato finale che si commenta da solo!

Erano assenti il portiere Marco Pupillo (disperso), Coda, Protano, Quinto, Ciociola, Valentini e Matteo Salcuni..ma nemmeno loro potevano fare di meglio..la testa è la stessa per tutti.

Ora si correrà ai ripari con una guida tecnica composta dal team manager Matteo Sciannamè e Santino Lapomarda..come ai bei tempi!

Ma Giorgio D’Accia dove lo metti?…Lo ha sempre detto: “sarà a disposizione del presidente D’Aprile”.

 

Daunia Vieste – Ordona  2 – 5

DAUNIA VIESTE: Cionfoli, De Meo, Potè, Lopriore Gennaro, Azzarone, Munno, Polidoro, Troia, Boccamazzo, Salcuni Gianni, Pecorelli (Trimigno). All: Giorgio D’Accia

RETI: Luigi Troia e Trimigno

 

                                        Michele Mascia


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright