The news is by your side.

Due a Zero: Atletico Vieste “Caterpillar”!!! (la cronaca)

8
Nello scontro diretto con il Polimnia Calcio, decidono un gol per tempo. L'Altetico Vieste conferma la sua leadership nel campionato di Promozione

Atletico Vieste – Polignano 2 – 0

ATLETICO VIESTE: Bua, Silvestri, Sollitto, Cinque, Pappano, Cariglia (dal 83′ Mastromatteo), Augelli (dal 92′ Calì), Ducange, Gentile (dal 93′ Piracci), Gualano, Scarano. All: Mimmo
POLIMNIA: Matarrese, Ferri, Laporta (dal 56′ Ruy), Merolla, Giannoccaro, Lavermicocca (dal 46′ Bernè), Desimini, Barbati, De Lorenzo, Giardino, Magno (dal 81′ Lanave). All. Narraccio
ARBITRO: Amato di Castellamare di Stabia
RETI. Al 17′ aut. Giannoccaro, al 79′ Augelli Rocco
NOTE: espulso al 93′ Barbati per scorrettezze

Una vigilia tormentata e piena di incertezze aveva accompagnato Il big-match della giornata tra la capolista Atletico Vieste e il forte Polignano, i baresi favoriti dal pronostico e noi viestani soliti scettici, questa volta era giustificata questa preoccupazione vista la contemporanea assenza di Melchionda e Paolo Augelli.
Ha vinto con merito l’Atletico Vieste sudando le proverbiali sette camicie, il Polignano ha subito così la prima sconfitta stagionale e forse da questa sfida è uscito molto ridimensionato.
E’ stata una gara giocata con grande giudizio dai due tecnici, le squadre che si sono affrontate con un certo rispetto ma senza rinunciare agli affondi che nell’occasione ha sfruttato meglio il Vieste.
Nel primo tempo il Vieste ha fronteggiato il Polignano soprattutto a centrocampo con spettacolari ripartenze che hanno visto protagonisti a turno Rocco Augelli, Maurizio Gentile ed Antonio Scarano, al 9′ Gualano imbeccava Scarano che non riusciva ad addomesticare il pallone facendosi anticipare dal portiere, al 16′ Maurizio Gentile si esibiva in una grande giocata con un tiro angolato che non sorprendeva il portiere che riusciva a deviarlo in angolo.
Al 17′ Scarano riusciva a liberarsi in area con una giocata di classe, poi tirava a rete e sulla traiettoria si infrapponeva Giannoccaro che deviava suo malgrado nella propria porta.
Il vantaggio del Vieste arrivava nel momento migliore della partita, con un centrocampo in palla pronto al gioco di rimessa, al 32′ Rocco Augelli scattava come una gazzella e veniva atterrato in area, l’arbitro sorvolava scatenando le proteste dei viestani, al 41′ ancora Gentile protagonista con una bella girata ma senza esito.
Inizio di ripresa da brividi con il Polignano a menar le danze e prendere il sopravvento della gara senza creare grossi problemi all’attenta difesa viestana capeggiata da capitan Cinque in gran vena.
Al 32′ su un diagonale di De Lorenzo il portiere viestano Pasquale Bua è stato straordinario nella deviazione in angolo, negando forse il meritato pareggio al Polignano.
E’ stato quello il momento decisivo di una gara molto tirata, poi il solito contropiede del Vieste concretizzatosi con il gol del raddoppio al 34′ di Rocco Augelli lesto a bruciare tutti sulla linea difensiva e trafiggere l’incolpevole Mattarese scatenando il tripudio dei viestani accorsi numerosi al “miramare”.
Nel finale c’era spazio per l’inutile fallaccio di Barbati che ha falciato Gualano meritandosi così un rosso a carattere “cubitale”.
Il triplice fischio finale rendeva giustizia all’Atletico Vieste che saldamente in testa alla classifica comincia a rendersi conto che almeno in questa prima parte è davvero protagonista.
Rientrava dopo un lungo periodi di assenza il portiere Pasquale Bua, la sua prestazione è stata davvero impeccabile non per le parate, solo una ma decisiva, ma per lo straordinario carisma.
L’assenza di Melchionda e Paolo Augelli si è vista, su quella fascia destra il Vieste si è solo difeso ma con uno straordinario Matteo Silvestri ancora una volta tra i migliori in campo.
Michele Mimmo ha tenuto in panchina Elia Gravinese, giocando ancora una volta senza riferimenti in attacco con Maurizio Gentile e Rocco Augelli straordinari combattenti e sorretti da un centrocampo di grande qualità con Antonio Scarano assist-man di classe.

Michele Mascia


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright