The news is by your side.

Atletico Vieste – Minervino 6 – 0

6

Il calcio quando viene interpretato con razionalità e semplicità rende le cose molto più facili del previsto, quel tormentone che si era abbattuto nel dopo partita col Castellana è stato spazzato via da una sontuosa prestazione del Vieste.
Lo stesso Michele Mimmo ha dato una sterzata alle polemiche ridisegnando un Vieste più razionale nell’assetto tattico, che bello rivedere il Vieste manovriero a centrocampo e spietato in attacco!Gara giocata senza sbavature e con le ritrovate geometrie, centrocampo finalmente assestato e squadra che si è letteralmente scatenata sul malcapitato Minervino che nulla ha potuto contro un Vieste “affamato” che ha giocato anche con grande spirito di orgoglio manifestando soprattutto a Franco Cinque un affetto pieno di significato.
I gol potevano essere molto di più, già nei primi minuti l’accappiata Gentile – Rocco Augelli si è presentata in area sfiorando il gol, poi al 8′ Rocco Augelli apriva le marcature, azione partita da Maurizio Gentile e pronta deviazione in rete per il vantaggio dei padroni di casa.
Iniziava lo show personale di Maurizio Gentile che segnava il gol del raddoppio al 14′  e poi si ripeteva al 24′ portando il Vieste sul 3 – 0 con un Minervino annichilito da tanta “rabbia” agonistica dei viestani assoluti padroni del campo.
Al 44′ su una sortita offensiva del Minervino, Bua nel tentativo di contrastare il giocatore ospite usciva fuori area e toccava il pallone con la mano, inevitabile era l’espulsione.
Nella ripresa nonostante l’inferiorità numerica il Vieste non mutava il suo assetto tattico con un centrocampo in palla ma soprattutto ordinato in tutte le sue posizioni, Antonio Scarano è stato un vero asso nella manica per Michele Mimmo ed ha giocato una partita magistrale, è salito in cattedra ed ha organizzato tutte le ripartenze del Vieste.
Maurizio Gentile è stato inarrestabile, ha siglato la sua tripletta trasformando un calcio di rigore al 57′…sul  4 – 0 si sono spente le ultime speranze del Minervino che non è mai entrato in partita.
Al 76′ si metteva in mostra il portiere Raffaele De Florio con una uscita tempestiva, deviazione di piede in angolo con Di Gennaro che sperava di segnare il gol della “bandiera”!
Al 79′ era il turno di Antonio Scarano, questa volta gli riusciva il suo pezzo forte, con un tocco di classe saltava il suo avversario ed appena dentro l’area metteva fuori causa l’esterefatto Conte piazzando il pallone all’angolo opposto segnando così un gol da cineteca.
Poi nel finale anche D’Accardio subentrato a Rocco Augelli trovava il suo momento di gloria segnando da posizione angolata un gran bel gol al 84′ chiudendo così la gara.
Il presidente Lorenzo Spina Diana in maniera composta ha commentato così la gara: “sono contento per i ragazzi, questa vittoria ci dà un po’ di serenità ma l’obiettivo della società è una salvezza tranquilla ed il nostro tecnico sinora ha interpretato al meglio le nostre intenzioni”..”sono contento per Franco Cinque che ha giocato una grande partita dimostrando che la sua esperienza è molto importante per una squadra così giovane”…”Non bisogna avere fretta nei giudizi..questa è una squadra che ha davanti a se un grande futuro..certi eccessi di tifo bisogna evitarli..anche se le stesse critiche quando sono giuste vanno accettate”..”ora Michele Mimmo dovrà lavorare con più serenità..nessuno della società gli vuole creare pressioni di alcun genere..siamo contenti del suo lavoro e nessuno ha mai contestato le sue scelte”.
Giuste e sagge le parole del patron Lorenzo Spina Diana che vuol chiudere così una settimana alquanto tesa, le critiche mosse nei confronti del tecnico Mimmo hanno scatenato eccessi di reazioni che ora devono rientrare, ormai si può dire archiviata la sciagurata prestazione di Castellana che è stata solo la classica giornata no di tutti i giocatori.
Quello che più conta che questo Vieste non ha mollato e forse non mollerà sino alla fine..anche se il ritornello “dobbiamo conquistare una salvezza tranquilla” ha i giorni contati visto che a 40 punti si è fuori dalla zona play-out..poi cosa ci racconteranno Michele Mimmo e soci????

ATLETICO VIESTE: Bua, Augelli Paolo, Di Iorio (dal 44′ pt De Florio), Cinque, Carretto, Silvestri, Augelli Rocco (dal 36′ st D’Accardio), Ducange, Gentile, Scarano, Cariglia (dal 31′ st Patrone). A disposizione: Piracci, Mastromatteo, Sollitto, Stramaglia. All: Michele Mimmo
MINERVINO: Conte, Di Matteo (Reggente), Scaringella, Quaquarelli (Terlizzi), Quatela, Loiodice, Zaza, Impera (Di Vietro), Di Gennaro, Lomonte, Di Lauro. All. Vernice
ARBITRO: Gironda di Bari
RETI: al 8′ Rocco Augelli, al 14′, 24′ e 57′ Gentile, 79′ Scarano, 84′ D’Accardio
NOTE: espulso al 44′ il portiere del Vieste Bua per aver toccato il pallone con la mano fuori area

                                                Michele Mascia


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright