The news is by your side.

Vieste, il paesaggio come sistema socio-ecologico

7

Un seminario promosso dal Gal Gargano

 

"Il paesaggio come sistema socio-ecologico"è il tema del seminario che si ter­rà domani con inizio alle ore 9,30 presso l’Hotel degli Aran­ci di Vieste. L’incontro rappresenta il secondo di tre appuntamen­ti formativi per personale tecnico e amministratori di Comuni, Enti sovracomunali, Istituzioni ed Organizzazioni di settore operanti nell’area del Gargano, nell’ambito di uno specifico progetto del Gruppo di Azione Locale del Gargano, Gal Gargano, rea­lizzato dall’Università degli Studi di Foggia – Dipartimento Prime, in collaborazione con l’Università degli Studi del Sa­lento – Dipartimento DiSteBA e l’Ente Parco Nazionale del Gargano. L’obiettivo formativo ge­nerale è quello di fornire ele­menti conoscitivi sui diversi aspetti giuridici e tecnici di tutela, valorizzazione e pia­nificazione del paesaggio, realizzato con il contributo di relatori esperti in econo­mia ambientale, ecologia del paesaggio, architettura del paesaggio, legislazione, inge­gneria naturalistica, che af­fronteranno i diversi aspetti teorico-pratici della tutela, della pianificazione e della ge­stione del paesaggio. Il seminario di giovedì prossimo a Vieste prevede gli interventi di apertura di Nicola Abatantuono, Presi­dente del Gal Gargano e di Ciro Pignatelli, Commissario Straordinario del Parco Nazio­nale del Gargano. Seguiranno quindi le relazioni tecniche: "L’ecologia del paesaggio e la pianificazione del territorio" (Nicola Zaccarelli: Professore aggregato di Ecologia Appli­cata, Università del Salento); "Analisi storiche di valutazio­ni economiche dei paesaggi" (Irene Petrosillo: Professore aggregato di VIA e VAS, Uni­versità del Salento); "Il mo­dello SMA per la gestione del rischio incendi" (Giuseppe Giliberti: Responsabile Divi­sione Territory Management System, SMA S.p.A.). Le con­clusioni saranno tratte da Giovanni Zurlini, ordinario di Ecologia e responsabile del progetto per l’Università del Salento, esporrà alcune consi­derazioni conclusive .


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright