The news is by your side.

Vico/ Passo avanti sulla strada dell’adozione del nuovo Pug

19

Altra tappa significativa sul percorso che, entro la legislatura, porterà all’approvazione e all’adozione del Pug (Piano urbanistico generale) da parte del Consiglio comunale di Vico del Gargano. Ieri, l’avviso pubblico per la redazione del documento preliminare programmatico che – come spiega l’assessore all’urbanistica, Massimo Fiorentino – costituisce, in sintesi, l’ossatura del prossimo e definitivo Piano urbanistico. Il documento dovrà contenere un quadro conoscitivo finalizzato alla individuazione delle componenti del territorio e alla conseguente definizione delle componenti strutturali articolando il tutto secondo una prima fase ricognitiva del sistema territoriale di area vasta e di quello comunale. A questa fase – sottolinea Fiorentino – ne seguirà una inerente il bilancio urbanistico delle pianificazione vigente al livello comunale partendo dagli aspetti sociali ed economici.
Ciò comporterà anche una lettura attenta del territorio da cui partire per programmare quegli interventi in coerenza con le idee progettuali che si vorranno realizzare. Gli obiettivi di salvaguardia e di valorizzazione delle componenti strutturali del territorio saranno le linee portanti frutto di una sensibilità nuova da parte di una classe politica e dirigente attenta e che guarda al futuro privilegiando le risorse più significative presenti sul proprio territorio in un discorso più ampio che riguarda, naturalmente, anche gli altri comuni garganici. Il Pug è lo strumento programmatico che consente agli Enti locali di avere ampia autonomia per quanto riguarda gli interventi, non solo in materia edilizia, sul proprio territorio; naturalmente, nell’ambito di una regolamentazione normativa regionale per evitare, soprattutto, che possano essere consentiti quei saccheggi del territorio, in modo particolare quelle più sensibili dal punto di vista ambientale. Un piano programmatico i cui contenuti sono anche il risultato dei contribuiti di cittadini, associazioni, imprenditori, ma principalmente dalla collaborazione con alcuni Dipartimenti universitari. “Abbiamo attraversato, in passato – conclude Fiorentino – anni difficili, per questo stiamo operando perchè ad ogni cittadino, imprenditore e operatore possano essere date quelle certezze che sono indispensabili, non solo a chi vuole investire ma anche al semplice cittadino. I tempi stabiliti sono assai stringenti”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright