The news is by your side.

I Consiglieri di minoranza di Rodi Garganico scrivono al Prefetto

18

Con la presente si vuole denunciare quanto accaduto nella seduta del Consiglio Comunale di Rodi Garganico del 19 novembre 2008. In quanto consigliere comunale, se pur di opposizione, Concetta Bisceglie  merita più rispetto da parte di chi rappresenta un Ente Istituzionale e per di più in una seduta che viene resa pubblica per via telematica. Il potere di esternazione che il Sindaco crede di poter usare a suo piacere senza le minimali condizioni di correttezza formale e di rispetto ha ormai oltrepassato ogni limite, anche perché episodi di questa natura sono ormai frequenti  e  ripetuti in ogni  seduta del  Consiglio Comunale.
 Le invettive, a volte davvero pesanti, che offendono sul piano personale la dignità morale sono andate in un  crescendo di quantità e intensità e  colpiscono sempre chi legge una qualsiasi dichiarazione  ( spesso il consigliere Bisceglie), anche  se  espressione di tutti i consiglieri di minoranza.
Certo   l’attività politica, a tutti i livelli, è fatta di contrapposizione tra opinioni contrastanti il cui naturale luogo di confronto è il Consiglio, ma  le divergenze  devono essere  discusse senza scendere ai  livelli dell’ultima riunione..
È sconveniente e inopportuno che un sindaco rivolga a un consigliere espressioni come  “stia zitta altrimenti io la zittisco a vita” … “lei in passato è stata manovrata come un burattino” … “ora vuole dare sfogo ai suoi istinti” … … … “vuole  primeggiare leggendo qualche paginetta” ……”taccia per sempre”……ma ahimè in passato forse è stato detto anche di peggio!. E a turno ognuno dei consiglieri di minoranza ha dovuto subire, suo malgrado, le “esibizioni” del primo cittadino a cui sfugge il controllo delle proprie reazioni e dei propri impulsi.
 Non si può pretendere che chi rappresenta la minoranza condivida  quello che viene portato in discussione, non per questo  rinuncia  al  rispetto del ruolo oltre che a quello personale, …….ma  forse fa rabbia che l’opposizione  ora venga fatta in modo pacato e senza smoderatezza, diversamente da  chi  oggi a Rodi Garganico  svolge  funzione di primo cittadino il quale probabilmente ricorderà il modo aspro e sprezzante  con cui portava avanti le discussioni del consiglio quando rivestiva a sua volta il ruolo di consigliere di minoranza, segno di un modus vivendi che forse sarebbe ora di correggere (peccato che quelle sedute di cui molti hanno memoria non siano state registrate  come quelle attuali). Gli eccessi,  le prevaricazioni,  le offese, le intimidazioni e le minacce  devono essere bandite in un confronto che non è ad armi pari, visto che le regole del consiglio sono rigide e il sindaco le applica a suo piacere senza dare possibilità di replica.
Con profondo rispetto e gratitudine
                                                                                  
Rodi 10 dicembre ’08                                                                                    
                                                                                    I Consiglieri di minoranza

                                                                                     Pinto Nicola
                                                                                     Saggese Salvatore
                                                                                     Veneziani Loreto Pino
                                                                                      Bisceglie Concetta
                                                                                     De Meo Domenico


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright