The news is by your side.

Questa sera a Vieste la presentazione di un volume di Agnese Moro sul papa’ statista

25

Questa sera, a Vieste, presso l’Auditorium Mons. Valentino Vailati (Parrocchia Gesù Buon Pastore), alle ore 19:30, il Circolo ACLI di Vieste ALDO MORO presenterà il libro di Agnese Moro, figlia del compianto statista ucciso dalle brigate rosse, “Un uomo così – ricordando mio padre”.

 

Interverranno: Giuseppe Clemente (Presidente del Circolo ACLI di Vieste Aldo Moro), Antonio RUSSO (Presidente Provinciale ACLI), l’autrice Agnese Moro (figlia dello statista ucciso dalle brigate rosse).
Coordinerà Gianni Sollitto.
Raccolta di ricordi, episodi e gesti, “Un uomo così – ricordando mio padre” è un ritratto intimo, inedito e commovente attraverso cui la figlia Agnese svela il lato domestico e privato di Aldo Moro. Accanto allo statista, simbolo tragico degli anni più difficili della storia italiana, trova così spazio l’uomo, il padre, il marito.
Pubblicato per la prima volta nel 2003, il libro ha riscosso un grande interesse e ha portato Agnese Moro sulle tracce lasciate dal padre nella società civile, per parlare di lui e sentirne parlare.
Questa nuova edizione, notevolmente ampliata, accoglie il diario del suo viaggio tra luoghi e persone, del suo incontro inaspettato con un’Italia a più voci che continua a ricordare e si adopera ogni giorno per interpretare il messaggio di un uomo che ha segnato la memoria del paese. Nel condividere le diverse tappe di questa sua avventura, Agnese Moro ricompone il ritratto corale che le è stato restituito dalla gente comune illuminando gli snodi fondamentali e il senso di una vita che appartiene alla Storia.
In apertura del libro Agnese Moro rende omaggio ai cinque uomini della scorta uccisi in quel tragico 16 marzo 1978: il Maresciallo dei Carabinieri e capo scorta Oreste Leonardi (che ha scattato la foto di copertina del libro che ritrae Aldo Moro con sua figlia Agnese), l’Appuntato dei Carabinieri Domenico Ricci, il Vice Brigadiere di Polizia Francesco Zizzi, gli Agenti di Polizia Raffaele Iozzino e Giulio Rivera.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright