The news is by your side.

Treno a Lucera: si parte il 14 luglio con Renzo Arbore

24

L’annuncio di Ferrovie del Gargano

 

La voce era in giro da giorni in città, ma è stato l’ingegner Daniele Giannetta, direttore di esercizio ferroviario di Ferrovie del Gargano, ad annunciare ufficialmente che il 14 luglio 2009 sarà il giorno di entrata in funzione “commerciale” della tratta ferrata tra Foggia e Lucera, mentre dal 1° luglio ricominceranno i viaggi di prova sul tracciato. Dopo un primo viaggio di prova del gennaio scorso, infatti, lo slittamento dell’effettiva attivazione della ferrovia è stato causato da un cedimento della tratta all’altezza Vaccarella, con i tecnici e gli operai dell’azienda foggiana che hanno fatto le marce forzate per risolvere al più presto i problemi sorti. Durante quella serata è annunciato un vero e proprio happening in fondo a Viale Ferrovia, con la prevista presenza di Renzo Arbore che svolgerà una sorta di ruolo di padrino per quello che si annuncia come un giorno storico per la città e per l’intera rete di trasporti della Capitanata, visto che il treno a Lucera mancava dall’ottobre del 1962. A collegare le due città, in soli 20 minuti e sempre al costo di 1,30 euro, sarà il già visto treno FLIRT (Fast Light Innovative Regional Train), un convoglio di tre carrozze di ultimissima generazione, completamente climatizzato, dotato di un sistema di informazione ai viaggiatori (139 seduti e 148 in piedi) mediante schermi, quasi completamente circondato da vetri per un’ampia luminosità e un buon comfort e con una velocità massima stimata di 160 chilometri orari. Il treno dispone anche di un sistema di telecamere a circuito chiuso e di un altro di antincendio del tutto automatico. Confermata da Giannetta anche la frequenza degli orari che sarà di ogni ora dalle 4 alle 7 e dalle 21 alle 24, mentre ogni mezz’ora per tutto il resto della giornata, per un totale di 60 corse giornaliere. Con l’entrata in funzione della linea, e il contestuale ridimensionamento del  servizio bus (100 pullman in meno), sorge ora il problema del trasporto urbano che dovrebbe garantire con efficienza il collegamento di tutte le zone della città con le stazioni periferiche.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright