The news is by your side.

Sannicandro/ Via alla mappatura completa dei luoghi di culto del Gargano

16

Una mappatura completa dei luoghi di culto del promontorio garganico, attraverso il percorso unificante dei simboli sacri che li accomunano è la mission dei giovani archeologi e speleologi sannicandresi del team Argod, autori di una serie di ritrovamenti di incisioni e simboli sacri in vari luoghi del Gargano. Vere e proprie scoperte, come quelle relative alle nuove triplici cinte sacre individuate presso l‘abbazia di Kàlena a Peschici, l’eremo di San Giuseppe di San Nicandro e la chiesa di S. Maria Maggiore di Monte Sant’Angelo, ma anche la catalogazione e lo studio di quelle già note, come le incisioni ricorrenti di motivi concentrici, cosiddetti “fiori di loto” presenti in molti luoghi di culto del Gargano o quelle delle imbarcazioni raffigurate presso la chiesa di Monte Sant’Angelo e il santuario di Devia di San Nicandro (per le quali si ipotizza una sorta di richiesta di protezione per i pellegrini prossimi ad intraprendere il viaggio per la Terra Santa) od anche di alcuni affreschi, come quello di S. Ippolito a cavallo raffigurato in entrambi i luoghi sacri o di quelli di San Giorgio, sul quale è in fase di ultimazione uno studio apposito. Simboli e figure che si collocano fra i più ricorrenti, quali testimonianze di un Gargano Sacro che cela ancora molti segreti da svelare. “Il promontorio garganico — spiega infatti Giovanni Barrella, presidente del team Argod – per noi è diventato un enorme puzzle tutto da comporre e decifrare. I pezzi di questo grande mosaico, però, non sono facili da trovare perché nascosti e sparsi un po’ ovunque su tutto il territorio, ma pian piano, stiamo riuscendo a ricomporre quel magnifico percorso sacro la cui disposizione dei simboli non è affatto casuale, ma risponde a un preciso disegno primordiale che abbiamo tentato di ricostruire”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright