The news is by your side.

Vico/Rifiuti nel parco automezzi l’azienda Sieco dovrà risarcire

5

La ditta dovrà pagare 13mila euro: la sentenza dei giudici.

 

Tredicimila euro, presumibilmente, la cifra che la Si.Eco, Azienda che gestiva il servizio di raccolta e conferimento dei rifiuti solidi urbani a Vico del Gargano, dovrà pagare a titolo di risarcimento per il danno procurato a seguito del deposito di materiale pericoloso nell’area dì destinata alla custodia degli automezzi per la raccolta dei rifiuti. La sentenza emessa dal giudice della sezione distaccata di Rodi Garganico del tribunale di Lucera, Michele Nardelli, nei riguardi dei titolari della Si.Eco, Marco Giovanni e Luciano Vasienti. Si chiude così una vicenda che sa dell’incredibile per modalità e gravità dell’atto compiuto dall’Azienda. Un episodio da ascrivere negli annali della pubblica amministrazione per la sua singolarità. Inspiegabile anche il perchè le amministrazioni comunale e provinciale non si siano costituite parte civile. Il tutto nasce dalla cessione del ramo d’A- zenda da parte dell’Aspica alla Si.Eco, e questo a giugno del 2008, come dire dalla notte al giorno, nel senso che da un servizio di qualità qual era quello assicurato dall’Aspica, che s’era aggiudicata la gara d’appalto, s’è passato ad un degrado impressionante per quanto riguarda raccolta e conferimento dei rifiuti, oltre ad un danno patrimoniale per il contribuente a seguito della mancata raccolta differenziata. Nella discarica, a cielo aperto, erano stati ammassati, senza alcuna separazione, materiali tra i più disparati: dalla plastica al legno ai materassi; da lattine vuote ad elettrodomestici, tra cui frigoriferi e cucine; tanto per dare le dimensioni della gravità e del possibile danno per le persone, la presenza di lattine vuote che avevano contenuto del diluente. Tutto questo su una superficie di poco più di mille metri. I fratelli Vasienti, avendo ammesso le proprie responsabilità in sede di giudizio, non hanno potuto fare altro che cospargersi la testa di cenere e attendere la pronuncia del magistrato.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright