The news is by your side.

Vieste – IL COMUNE VA IN CASSAZIONE PER AVERE DALLA REGIONE L’ICI PER IL CENTRO DI BAIA DI CAMPI

20

 

Fra il Comune di Vieste e la Regione Puglia c’è un contenzioso
per il pagamento per quel complessodell’Ici per gli anni 2003, 2004, 2005

Nel programma di recupero dei tributi non pagati, nello specificio dell’ICI, il Comune di Vieste ha incluso anche il Centro Direzionale per il turismo di Baia di Campi. Di questo complesso, da anni purtroppo abbandonato al degrado, ne risponde la Regione Puglia. Così l’Amministrazione comunale ha iniziato da tempo un contenzioso con l’Ente guidato da Nichi Vendola per il recupero delle somme non versate.

Ultimamente il Comune ha avuto torto presso la Commissione Tributaria Regionale di Bari, sezione distaccata di Foggia dopo che in prima istanza la Commissione Tributaria Provinciale di Foggia aveva riconosciuto legittimo l’operato del Comune di Vieste in materia di applicazione dell’ICI per gli anni 2003, 2004 e 2005 relativamente a quel complesso immobiliare.
Alla vicenda fece riferimento ai microfoni di Ondaradio l’assessore regionale al Demanio Michele Pellilo lo scorso 5 ottobre nel corso di una sua visita proprio al Centro Direzionale di Baia di Campi accompagnato dai consiglieri regionali Pino Lonigro e Giannicola De Leonardis.
«C’è stato un pronunciamento della Commissione Tributaria regionale che ha dato ragione alla Regione… in queste cose parlano i giudici, le sentenze. — spiegò Pelillo — Quindi ad oggi la Regione non è debitrice di alcunchè verso il Comune di Vieste per questo immobile perché c’è una sentenza che ha dato ragione alle istanze dell’Ente regionale. In realtà non mi risulta che ci sia ancora questa querelle che è stata risolta in sede giudiziaria. Credo però, davvero, che questa sia una questione marginale perché quando ci siederemo con il Comune di Vieste saranno ben altri i problemi che dovremo affrontare».
Ma la querelle giudiziaria cui faceva riferimento Pelillo sembra tutt’altro che conclusa. Con una delibera di Giunta comunale dello scorso 11 ottobre, infatti, l’amministrazione guidata da Ersilia Nobile ha conferito l’incarico all’avvocato Anna Maria Guarino di Matera (incarico professionale che non comporterà spese per il Comune di Vieste, in quanto il professionista sarà retribuito dalla concessionaria Gema S.p.a. in virtù di una convenzione tra quest’ultima ed il Comune) per presentare ricorso per Cassazione avverso la sentenza Commissione Tributaria Regionale di Bari, sezione distaccata di Foggia.
Spetterà dunque alla Cassazione dirimere la questione per decidere se la Regione Puglia dovrà o meno versare al Comune di Vieste l’ICI per il Centro Direzionale di Baia di Campi, per gli anni 2003, 2004 e 2005, una cifra piuttosto consistente che di certo darebbe ossigeno alle casse.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright