The news is by your side.

Tutelare orchidee del Gargano, appello di Marino ad assessore Nicastro

8

"E’ gravissima la denuncia fatta del G.I.R.O.S. di Capitanata (Gruppo Italiano Ricerca Orchidee Spontanee) e da alcuni esperti e appassionati di botanica e fotografia naturalistica, che durante una escursione sul Gargano hanno scoperto, dove viveva abitualmente l’orchidea spontanea, Barlia robertiana, che c’erano tracce di una potatura meccanica per opera di un motore con lame.  "Quanto accaduto è gravissimo che sconvolge l’equilibrio naturale, cancellando una delle più rare risorse del territorio". Così il presidente della III commissione sanità, Dino Marino, commenta quanto scoperto nei giorni scorsi dagli esperti e annuncia una interrogazione all’assessore all’ambiente della Regione Puglia, Lorenzo Nicastro sulla questione.
"Quanto si è verificato – continua il presidente Marino – mette in discussione il Ruolo del Parco Nazionale del Gargano, quello della Regione Puglia e in modo particolare quello dell’Arif (Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali). Voglio ricordare che questa agenzia è nata non solo per stabilizzare gli operai agricoli, che in modo particolare sul Gargano, sono passati dal precariato all’assunzione a tempo indeterminato, ma la sua "mission" primaria, era quella di tutelare il nostro territorio e di difende il suolo nella gestione del patrimonio forestale, attraverso attività mirate e iniziative rivolte alla salvaguardia delle foreste, al rimboschimento, alla diffusione e conservazione della biodiversità. Non vorrei che quest’agenzia si sia trasformata in un altro carrozzone pubblico, incapace di rispondere alle esigenze per cui è nata. Nei prossimi giorni presenterò un’interrogazione all’assessore all’ambiente della Regione Puglia e chiederò lumi al presidente del Parco Nazionale del Gargano, perchè non è possibile assistere a questa incuria che purtroppo colpisce il Gargano, un luogo da proteggere e da salvaguardare". Secondo Marino questi splendidi fiori attirano l’attenzione di innumerevoli orchidofili e fotografi che da tutto il mondo si recano nelle varie stazioni per carpirne i segreti. In Europa vi sono, infatti, circa 500 specie di orchidee spontanee appartenenti a 33 generi diversi. La penisola italiana è la più ricca con 230 specie, raggruppate in 31 generi. La Puglia con 91 specie si conferma quale territorio italiano più ‘popoloso’ seguito dalla Toscana, 84 specie, e dalla Emilia Romagna con 82 specie. Di quelle pugliesi sul promontorio del Gargano, ce ne sono circa 86 specie che vanno quindi tutelate.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright