The news is by your side.

Fisco/ “Tasse occulte per 270milioni”. I dati della Uil: stangata di 67 euro pro-capite per i pugliesi

17

Come se non bastassero le tasse tradizionali, ogni anno i cittadini pugliesi devono subire la scure delle «tasse occulte», vere e proprie tasse sulle tasse che passano sotto traccia ma pesano non poco sulle ta­sche. «Stiamo parlando di Arisgram (ad­dizionale regionale sul consumo del gas me­tano), Irba (imposta regionale sulla benzina per autotrazione), 1 imposta provinciale di trascrizione, l’imposta sulle assicurazioni con­tro la responsabilità ci­vile veicoli e il Tefa (tri­buto per l’esercizio delle funzioni di tutela prote­zione e igiene dell’am­biente, applicato alla tas­sa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, Ta­ri)». A sostenerlo è la Uil regionale che ha condotto un’analisi tramite il Servizio Po­litiche Territoriali della Uil nazionale. «L’insieme di queste tasse occulte – spie- ‘ ga Franco Busto, segretario generale della Uil Puglia – gravano sulle tasche dei cit­tadini pugliesi per oltre 270 milioni di euro, un fardello pari a circa 67 euro pro-capite. Tasse extra di cui i cittadini nella stra­grande maggioranza dei casi non conosco­no neanche 1’esistenza». Il totale del gettito generato dalle tasse occulte regionali, in Puglia, è di 24 milioni di euro, mentre le tasse occulte provinciali sommano circa 246 milioni di euro (82 milioni in provincia di Bari, 25 milioni a Brindisi, 44 milioni a Foggia, 48 milioni a Lecce e quasi 39 milioni a Taranto). «È una magra consolazione, ma di buono c’è – continua Busto – che l’incidenza media sulle famiglie pugliesi delle tasse in esame è molto inferiore al dato nazionale (440 euro), anche in virtù del fatto che in Puglia, ad esem­pio, l’Irba non viene ap­plicata. Tuttavia è deci­samente elevato il peso delle tasse provinciali (Itp, Re auto, Tefa), se si considera che per quanto riguarda l’Rc auto tutte le province, non solo pugliesi, applicano l’aliquota massima, così come per la Tefa, mentre quasi tutte le pro­vince – rposegue Busto – hanno deliberato aumenti per l’imposta provinciale di tra­scrizione. Al di là del risvolto economico, i dati mettono in luce, ancora una volta, le difficoltà che le amministrazioni provin­ciali si sono ritrovate ad affrontare a causa di una riforma frettolosa ed incompleta, che ha costretto le vecchie province e le nuove città metropolitane a offrire servizi comun­que importanti per la quotidianità delle comunità locali, ma con una carenza di risorse sempre più grave, per tacere del deficit negli organici. Sarebbe il caso – con­clude Busto – di rivedere il sistema dalle fondamenta e non a spot. Qualcuno in cam­pagna elettorale aveva promesso l’azzera­mento delle accise, gli stessi che oggi vo­gliono rifondare le province ripristinando i consigli provinciali con il sistema elettivo. Ebbene, stando all’affidabilità di quelle pro­messe non siamo granché fiduciosi,- ma ri­teniamo che le priorità siano altre, ovvero mettere le macchine provinciali nelle con­dizioni di offrire servizi di qualità, come quelli ambientali, scolastici e di viabilità senza far sempre e necessariamente ricorso a balzelli di ogni tipo, come in questo caso addirittura occulti».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright