The news is by your side.

27 Febbraio/ UN UNIVERSO DI ATOMI

79

In piedi davanti al mare / meravigliato della propria meraviglia: io / un universo di atomi / un atomo nell’universo.

RICHARD FEYNMAN

Richard Feynman (1918-88) è stato un importante fisico del Nove­cento ma, come tutti i grandi scienziati, ha sentito il bisogno di affi­darsi alla poesia per esprimere il mistero della creatura umana che egli definiva «atomo con la coscienza». Il pensiero corre a Pascal e alla sua celebre «canna pensante» che è l’uomo, «un atomo nell’uni­verso» ma al tempo stesso «un universo di atomi», un vero e proprio microcosmo attraversato dall’infinito e dall’eterno. Già a considera­re il cervello umano si rimane abbacinati: sotto la nostra piccola vol­ta cranica si anima una galassia di un centinaio di miliardi di neuro­ni, tanti quante sono le stelle della Via Lattea, mentre i collegamenti tra essi, le sinapsi, raggiungono l’ordine del milione di miliardi…

Ma la poetessa ottocentesca americana Emily Dickinson (1830-86) andava oltre e intuiva che il cervello è il segno di un’ulteriore capacità umana di trascendere la materia: «Il cervello è più grande del cielo / perché, se li metti fianco a fianco, / l’uno conterrà l’altro / con facilità – e Te in aggiunta». Noi abbiamo coscienza di noi stessi e del cielo che sta sopra di noi e possiamo persino contenere Dio. Feynman parlava dell’uomo come di «materia con curiosità», laddove questo termine indica appunto la capacità di andare oltre se stessi, stabilendo ponti con tutto ciò che ci trascende e sta oltre. Contro ogni riduzionismo che tenta di ricondurre l’uomo a un mero sistema cellulare o neuronaie si sente sempre che in noi c’è una scintilla di eterno e di infinito, forse proprio quell’anima tanto dimenticata e tacitata.

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright