The news is by your side.

24 Marzo/ CREARE OCCASIONI

35

Le persone che riescono in questo mondo sono quelle che vanno in cerca del­le condizioni che desiderano e, se non le trovano, le creano.

GEORGE BERNARD SHAW

Così scriveva il commediografo irlandese George Bernard Shaw. Certo, il suo consiglio può avere anche un risvolto negativo, quello che si incarna nel self-made man, come si dice nella sua lingua, ossia l’uomo fatto da sé che spesso è arrogante, prevaricatore e sbrigativo.

Il nostro Leonardo Sciascia era pessimisticamente convinto che que­sta fosse soprattutto una sindrome italica: «Tutti gli uomini che in Italia si fanno da sé è evidente che si fanno piuttosto male». E un al­tro nostro scrittore, Luciano Bianciardi (1922-71), spiegava che «il metodo del successo consiste in larga misura nel sollevamento della polvere». C’è, però, nelle parole di Shaw un vigoroso appello che non bisogna ignorare.

Troppo spesso, infatti, è forte la tentazione di incolpare sempre qualcuno dei propri insuccessi o fallimenti. Sul pedale dei diritti ve­ri o presunti si pigia sempre il piede con rabbia, ma si tiene sempre il freno tirato sui propri doveri e sull’impegno personale.

In questa li­nea, invece, ci si dovrebbe avviare con decisione, abbandonando querimonie e inerzie, nella consapevolezza che ci sono sempre occa­sioni propizie che vengono lasciate nel nulla, per superficialità o pi­grizia. E se anche non ci fossero condizioni favorevoli, come ammo­nisce Shaw, bisognerebbe essere pronti a crearle attraverso uno sforzo di fantasia, di genialità, di vivacità personale. Si ricordi sem­pre la parabola dei talenti che, accanto al primato del dono divino, pone il vigoroso e intelligente impegno umano.

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright