The news is by your side.

Il messaggio Mons. Franco Moscone per la domenica della Misericordia 19 aprile 2020

36

Carissimi Fratelli e Sorelle,

celebriamo oggi la domenica della Misericordia che ci rinnova l’annuncio della Pasqua colorandolo dell’amore misericordioso del Signore Gesù Crocifisso e Risorto.

Desidero, in questa domenica tutta particolare, far giungere il grazie della Chiesa di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo a tutti per l’impegno che viene profuso in questi giorni difficili e tragici della pandemia da coronavirus.

Mi permetto di ringraziare citando secondo categorie diverse e sperando di giungere a tutti.

Grazie:

– ai Medici, Infermieri, Operatori sanitari, Amministratori dei vari presidi ospedalieri e strutture sanitarie e Farmacisti;

– ai Responsabili e Amministratori della cosa pubblica;

– alle Forze dell’ordine e Militari di ogni grado;

– ai Lavoratori dei diversi servizi e professioni che garantiscono lo svolgimento della corretta e ordinata vita civile e sociale;

– ai Sacerdoti, Religiosi e Religiose che mantengono viva loro vocazione di servizio al popolo;

– ai Responsabili e Collaboratori volontari della Caritas diocesana e parrocchiali, e di altre Associazioni caritative;

– ai Membri delle Associazioni di volontariato ed Organismi socio-assistenziali;

– agli appartenenti alla Protezione civile ed alle Pro loco;

– agli Operatori della comunicazione sociale, che si fa voce e sentimento di compassione;

– a tutto il Popolo che si mantiene fedele all’osservanza delle regole che sono state imposte per sconfiggere il virus.

Che il grazie arrivi a tutti, soprattutto a coloro che col proprio silenzio e nascondimento fanno traboccare queste giornate, sconvolgenti e tragiche, di esemplare umanità, dedizione e altruismo e che non hanno trovato posto negli impegni a vario titolo qui indicati.

So che i credenti soffrono per l’impossibilità a partecipare all’Eucaristia e ricevere la comunione.

Desidero dire loro che il significato della parola Eucaristia è proprio grazie, ringraziamento!

Vorrei allora assicurarli che se vivono questi giorni con sentimenti di ringraziamento verso le persone impegnate nella lotta alla pandemia, e se con senso di gratitudine compiono la loro parte di responsabilità, allora in qualche modo stanno partecipando all’Eucaristia che tanto desiderano e di cui sentono il bisogno.

A tutti, credenti e non credenti, ricordo che il termine Misericordia contiene la parola cuore, e si riferisce ad un cuore capace di dilatarsi smisuratamente, di aprirsi all’esterno con generosità, generando vita in tutte le relazioni personali, comunitarie e sociali.

Invito tutti a mantenere un cuore aperto al prossimo (familiari e persone del vicinato) ed alla società intera: sarà così un tempo non solo per debellare il coronavirus, ma anche per riscoprire la bellezza della vita in famiglia e la solidarietà e legalità dei rapporti nella società civile.

Posso assicurare che aprendo il cuore al prossimo ed alla società lo si apre anche a Dio.

Sì, lo si apre a Dio che in Cristo si è fatto carne assumendo la nostra umanità ed identificandosi in ogni persona, soprattutto in quelle più bisognose.

Coraggio fratelli e sorelle, la lotta non è conclusa ed ha ancora bisogno di tempo ed impegno, non disperiamo e preghiamo il Cristo pellegrino, come i discepoli di Emmaus, dicendo: resta con noi Signore, se no si fa sera!

+ p. Franco crs

arcivescovo


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright