The news is by your side.

Vieste – CONSIGLIO COMUNALE, GRUPPO “I DEMOCRATICI”: «OGGI FORMALIZZIAMO LA NOSTRA USCITA DALLA MAGGIORANZA NEL LUOGO DOVE RITENIAMO SIA GIUSTO FARLO»

679

(Comunicato stampa) —– Oggi volevo ringraziare il sindaco per averci  concesso di sedere in questa aula consiliare e chiedergli scusa per aver comunicato qualche giorno fa la nostra uscita dalla maggioranza dal momento che ci aveva pensato già lui a cacciarci ormai da tempo.  Già,  perché questo è il clima che si respira da  quando il nostro sindaco, ormai in preda a delirio di onnipotenza, è convinto di poter gestire ogni cosa secondo la sua volontà. Sindaco, ma veramente sei convinto di tutto quello che hai detto negli ultimi giorni e di tutto il fango che ci hai buttato addosso? A me piace pensare che sei un po’ stressato e che hai bisogno di riposo, altrimenti l’alternativa sarebbe cattiveria allo stato puro.

Hai affermato che non abbiamo apportato niente e che non abbiamo fatto proposte. Prima di tutto ti ho regalato parte del mio tempo prezioso in maniera incondizionata senza aspettarmi niente e senza pretendere niente in cambio, se non eventualmente un po’ di rispetto. Il nostro gruppo ti ha portato più di 500 voti che hanno contribuito a farti diventare il sindaco di Vieste.

Tutte le proposte portate, alle quali hai dato valore zero, le ho elencate in un video che ti ho dedicato e per questo non mi dilungo. In realtà proprio perché abbiamo portato proposte abbiamo decretato la nostra condanna all’esilio. Certo, perché voi non avete bisogno delle proposte degli altri. VOI avete solo  i vostri progetti da portare avanti tant’è che con voi é vietato partecipare alle riunioni di giunta, ne si fanno riunioni di maggioranza se non quelle poche fatte all’inizio che sono servite solo a comunicare ciò che avevate già fatto o quello che avevate in programma di fare, senza che nessuno potesse metterci becco. ALLA FACCIA DELLA PARTECIPAZIONE E DELLA CONDIVISIONE!

Sindaco, la verità è che  a voi non servivano le nostre proposte ma solo i nostri voti e chi veniva ad alzare la mano in vostro favore in consiglio comunale e, lo dico a gran voce, spero che questo messaggio arrivi ai giovani e anche ai meno giovani  che stai selezionando. Avete praticato un vero e proprio furto di democrazia come diceva un tuo consigliere quando all’inizio la pensava come noi. E a proposito di democrazia, concetto che ancora non ti è molto chiaro, hai fatto passare il concetto che costituire un gruppo vuol dire passare all’opposizione della serie chi non è con me è contro di me. Costituire un gruppo non è né un attacco alla democrazia,che invece lo prevede, né tantomeno è stato un attacco nei tuoi confronti tant’è che al momento stesso della costituzione del  gruppo abbiamo dichiarato che avremmo continuato a sostenere la maggioranza.  Per noi costituire un gruppo ha significato tener fede alle promesse fatte in campagna elettorale e rispettare quindi i cittadini che   ci hanno eletto per le nostre idee  e non per venire a sostenere le idee altrui.

Nelle  circostanze  in cui non ci siamo trovati in piena sintonia con il resto della maggioranza, vedi questione pini, questione sanità, questione scuola,  abbiamo espresso il nostro dissenso come in democrazia è lecito fare. In ogni caso, però, non abbiamo mai fatto mancare il nostro voto favorevole ed è solo su questo punto che avreste dovuto valutare la nostra lealtà. A proposito di lealtà, le nostre idee, nel bene e nel male,  sono state sempre manifestate apertamente e non nella chat  “FRITTURA DI PARANZA” ed è proprio per questo che la nostra condanna all’esilio si è trasformata in condanna a morte e mentre lo dico spero che i giovani e i meno giovani che stai selezionando siano ancora in ascolto.

Per concludere un piccolo cenno alla tua presunzione. Ti sei arrogato la facoltà di collocarci in maggioranza o in minoranza a tuo piacimento. Ma lo capisci che se noi siamo in maggioranza non è per tua gentile concessione,  ma perché eletti dal popolo? Il rispetto che non hai avuto per noi cerca almeno di averlo per la volontà popolare o veramente siamo nella condizione che io sono io e voi non siete un cavolo? Se noi abbiamo resistito in maggioranza nonostante tutte le angherie è per rispetto del mandato ricevuto dai cittadini che ci hanno votato per rappresentare la loro voce in maggioranza. D’altra parte le nostre battaglie sono sempre state finalizzate all’interesse comune e mai, dico, mai a questioni personali. Noi ci scusiamo con i cittadini se non siamo riusciti ad arrivare fino alla fine ma purtroppo i soprusi  siamo riusciti a sopportarli, le calunnie no. Oggi formalizziamo la nostra uscita dalla maggioranza nel luogo dove riteniamo sia giusto farlo, perché delusi dal comportamento del sindaco che tutto è stato tranne che il sindaco di tutti come aveva promesso di essere. La nostra delusione si esprime anche nei confronti della sua squadra che, con la propria cieca e muta dedizione verso il sindaco, riteniamo essere corresponsabile del fallimento di questa maggioranza.

Vieste,  27.01.2021.

I Consiglieri comunale del gruppo “I Democratici”:

Rita Incoronata Cannarozzi 

Paolo PRUDENTE


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright