The news is by your side.

Vieste – PER LE ELEZIONI COMUNALI IL CENTRO DESTRA SOGNA IL “PAPA STRANIERO” AL FEMMINILE…. NUNZIA DE GIROLAMO

1.469

La data delle elezioni comunali si avvicina e tutti sono in fermento. Soprattutto nell’area del centrodestra o comunque nell’ambito di coloro che non si riconoscono nell’attuale amministrazione cittadina guidata da Giuseppe Nobiletti.

Continuano, infatti, gli incontri del sabato fra i rappresentanti dia Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, insieme a tanti che, per motivazioni diverse, cercano comunque una collocazione pur di contrastare l’attuale inquilino di Palazzo di Città.

Ma come sempre, il primo grande ostacolo è la pletora di aspiranti candidati a sindaco. In tanti ambiscono a potere sfidare Nobiletti: da chi ci ha già provato come Mauro Clemente, a chi vuole farlo per la prima volta come Mario (Michelone) Vieste.

E su questo punto il confronto si insabbia, tanto che dopo un po’ alcuni preferiscono lasciare le riunioni presagendo l’ennesimo inutile teatrino. Diversi si presentano agli incontri nella speranza che si elabori un progetto politico su cui confrontarsi e solo dopo concentrarsi sulle candidature.

Quasi a scompaginare la situazione, negli scorsi giorni i rappresentanti cittadini di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia avevano chiesto al sindaco Nobiletti un incontro. Ma poi non si sono presentati. Qualcuno vocifera che sia arrivato l’altolà dal consigliere regionale Giandiego Gatta, da sempre in forte contrasto con l’attuale amministrazione viestana.

L’ultima novità sarebbe la scelta di pensare ad un… “papa straniero” o meglio ad una “papessa”. Circola infatti la voce che alcuni abbiano avuto degli avvicinamenti con Nunzia De Girolamo, ex deputata e ministro con Berlusconi, moglie dell’ex ministro del PD Francesco Boccia ed attualmente collaboratrice di giornali e programmi tv.

L’idea sarebbe così di sedare gli aspiranti candidati sindaci e nel contempo rilanciare le speranze di un centrodestra oggi realisticamente a corto di idee e di uomini/donne per portale avanti.