The news is by your side.

Il premio Matteo Salvatore a John Sinclair

8

Due ospiti di livello internazionale per la seconda edizione del “Premio Matteo Salvatore”.  Il prestigioso riconoscimento dedicato al compianto cantastorie del Gargano sarà conferito, infatti, per l’edizione 2006 allo statunitense John Sinclair, poeta, scrittore, performer e leader dei movimenti della controcultura dell’Altra America, e al griot africano Afel Bocoum, leggendario cantore popolare del Mali. Due “miti” viventi che, come Matteo Salvatore anche se in diversi luoghi e contesti sociali del mondo, sono testimoni della cultura di un popolo, avendo composto e cantato le leggende delle comunità di cui sono parte. Gli altri due riconoscimenti previsti nell’ambito del Premio Salvatore andranno a Davide Van De Sfroos (Sezione Argot), cantautore emergente “laghée”, che vive, appunto sulle sponde del lago di Como e si esprime con il dialetto di quella terra, e a Otello Profazio (Sezione Radici), cantastorie calabrese e importante testimone della tradizione contadina del Sud. La Targa Amici di Matteo sarà consegnata a Marcello Baraghini, storico direttore editoriale di Stampa Alternativa che ha curato l’edizione del libro “La luna aggira il mondo e voi dormite”, l’autobiografia raccontata di Matteo Salvatore. John Sinclair, agitatore culturale americano e poeta beatnik, leader del movimento contro la guerra in Vietnam negli anni ’60, fondatore del White Panther Party, è stato anche il manager del gruppo rock radicale MC5. Imprigionato per le sue idee legate alla rivoluzione culturale hippie, fu liberato grazie ad un grande movimento d’opinione che culminò nel concerto organizzato in suo favore da John Lennon, che gli dedicò anche una canzone dal titolo, appunto, “John Sinclair”. Grande studioso di cultura afro-americana, negli anni ‘90 a New Orleans Sinclair fu il più popolare deejay radiofonico della città. Nel 2004 ha scelto l’esilio ad Amsterdam dove continua a esibirsi sul palcoscenico con la sua band – The Blues Scholars – a scrivere poesie e condurre programmi radiofonici. Il suo primo libro italiano “Va tutto bene-It’s all good” è uscito nel luglio 2006 per i tipi di Stampa Alternativa. Nelle performance al Premio Matteo Salvatore, John Sinclair sarà accompagnato da Mark Ritsema alla chitarra. Afel Bocoum, musicista leggendario, erede del grande Ali Farka Touré, nato e formatosi nel Mali, sulle rive del Niger, nel piccolo villaggio di Niafunké. Bocoum, accompagnato dal suo gruppo Alkibar, usa il fiume come guida e fonte d’ispirazione, creando un suono impregnato di tradizione, che cattura la voce della popolazione e la loro relazione con la terra. Personaggio di spicco tra i griots – i cantastorie dell’Africa – Bocoum attinge alla moltitudine di linguaggi, ritmi e melodie della tradizione del Mali e la sua musica diventa strumento di comunicazione e di sensibilizzazione sociale. Gli strumenti usati da Bocoum sono una njarka (violino ad una corda), una njurkel (chitarra a due corde), una calebasse, una chitarra acustica. L’edizione 2006 del “Premio Matteo Salvatore” , promossa dall’associazione Suoni dal Mondo e dal Club Salvatore, in collaborazione con il Club Stampa Alternativa del Gargano, si svilupperà in due giornate. La manifestazione di gala si terrà sabato 19 novembre 2006 presso il Teatro del Fuoco a Foggia. La serata, con l’attenta regia del direttore artistico Angelo Cavallo, prevede l’esibizione degli artisti premiati – Davide Van De Sfroos, Otello Profazio, John Sinclair e Mark Ritsema, Afel Bocoum e Alkibar – alcune testimonianze orali e filmate dedicate al maestro di Apricena (Fg), e un prologo musicale con Ninni Maina e la Nuova Orchestra Taverna del Gufo. La serata sarà condotta dall’abile entertainer radio televisivo Dario Salvatori. Sabato 18 novembre sono previsti, sempre a Foggia, incontri, talk show e concerti. Si comincia con la presentazione del libro di Sinclair (Libreria Edicolè alle 17.30). A seguire, incontro su “Griots d’Africa: musica e diritti umani” (Chiesa Santa Chiara alle 18.30) con Koblan Amissah, Nicola Affatato, Lino Del Carmine e Marco Boccitto. In serata (Circolo Arci Bellami ore 20) il talk show “Folk geneticamente evoluto: nostalgia e/o creatività” con gli artisti del Premio, Raffaele Vescera, Carlo Gentile ed il coordinamento di Enrico De Angelis, direttore del Premio Tenco. Concerto “Tributo a Matteo” in chiusura di giornata (Circolo Arci Bellami alle 22) con l’esibizione di Marenostrum, John Sinclair e Mark Ritsema, DJ Africa con Marco Boccitto. (Informazioni e biglietti BV Viaggi tel.0881722133 – www.bvviaggi.it). Continua anche per la seconda edizione l’autorevole collaborazione con il Club Tenco di Sanremo, la prestigiosa fondazione dedicata allo scomparso cantautore Luigi Tenco che, dal 1973, si è distinta come la più importante istituzione nazionale che opera per la diffusione della canzone d’autore con l’annuale omonima rassegna sanremese. La manifestazione è patrocinata dalla Regione Puglia – Assessorato al Mediterraneo e Presidenza del Consiglio Regionale, Assessorato alla Cultura del Comune di Foggia, Provincia di Foggia, Amministrazione comunale di Apricena e Comunità Montana del Gargano.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright