The news is by your side.

La voglia di vincere contro il catenaccio

3

Una gara a senso unico, con il Foggia votato all´attacco e l´armata brancaleone dell´Avellino tesa solo a difendere; questo il tema tattico, confermato anche dalle dichiarazioni rilasciate dai due allenatori in sala stampa, a fine gara.
D´Adderio: "50 % di possibilità, una partita attenta, abbiamo cercato di cambiare il risultato, abbiamo avuto 3,4 occasioni da goal, una buona partita, tenete presente che è difficile giocare bene in queste partite, lo spettacolo migliore lo ha dato il pubblico…. a livello nervoso stiamo spendendo tantissimo, tanta adrenalina alle spalle. Bravo l´arbitro, uno dei migliori, il giudizio non cambia, a prescindere dal rigore o meno, lo avrei preferito ad Avellino; io non firmo per niente prima, le partita sono sempre 2 da giocare all´inizio.
Pensa al rinnovo? Pensiamo alla partita. Si aspettava un avversario così chiuso? Mi aspettavo Biancolino, una squadra che sa ttendere, la forza è questa, attendere per ripartire. Il Foggia è stato più in palla? Non sono d´accordo, l´Avellino ha avuto buona tenuta.
Al 30 minuto si sono tirati i remi in barca? Non mi è sembrato, abbiamo giocato con un esterno basso a destra dal nome di Colombaretti, Ingrosso dall´altra parte a spingere, Mounard a sinistra sulla mediana, ed al centro un centrocampisti di qualità per costruire…. i giudizi sono relativi all´avversario che si incontra.
Perchè Zanetti? Sono pagato per scegliere. Mounard è entrato perchè poteva dare qualcosa.
Ad Avellino 100´ di fuoco, possono bastare o meno. “Alla fine nessuno ci ha regalato mai niente, abbiamo sempre giocato, fatto goal, arriviamo in finale con le nostre uniche forze."
Nel primo tempo abbiamo tneuto palla, nel secondo tempo c´è stata più circolazione di palla.
Loro in casa hanno sempre segnato? Anche noi fuori casa il goal, quindi sarà una lotta".

Vavassori:"partita tatticamente perfetta? Discreta gara in contenimento ma poco propositivi, dovevamo fare di più, risultato giusto? Sul piano del gioco il Foggia ha fatto di più di noi, nonostatnte tutto abbiamo avuto 2 buone occasioni…. giochiamo con il freno a mano fuori casa, per quelle che sono le nostre caratteristiche…. l´aspetto mentale è quello che determina la prestazione.
Evacuo buona gara, anche se gli attaccanti in queste partite non sono avvantaggiati.
La presenza di Biancolino per domenica dipende dai medici…. avremo il fattore campo dalla parte nostra, il pubblico dalla parte nostra, ci giochiamo il campionato in casa, chi è interessato sarà dalla parte della squadra. La squadra quando deve vincere riesce a giocare meglio. Oggi nella fase divensiva eravamo più accorti rispetto alla gara contro il Taranto. Il risultato di zero a zero per il Foggia può essere pericoloso, adesso la palla scotta, bisogna andare sulla palla con tutta l´anima.
Ha avuto contatti con il Foggia mesi fa? Nessun contatto.

Che dire, arrivare in finale e giocarsi la B in questo modo rinunciatario e speculativo, arruffone e senza più birra nelle gambe, è davvero un triste modo di essere, per quella che è la seconda squadra in classifica.
Il Foggia…. se non altro, sta giocando da FOGGIA.
Al prossimo round…..