The news is by your side.

SAN GIOVANNI ROTONDO CELEBRA LA FESTA DELLA SUA PATRONA.

10

Anche quest’anno, come da antica tradizione, la nostra città celebra la Festa Patronale di Maria SS. delle Grazie nei giorni 8, 9 e 10 settembre.

La devozione e l’amore filiale per la Gran Madre di Dio, proviene da tempo immemore.

I nostri avi hanno chiesto spesso la sua protezione, soprattutto in momenti particolari della loro vita. Le cronache invero, riferiscono molti fatti riguardanti gli interventi della Madonna. Nel ‘500, secondo il nostro illustre compaesano, padre Michele Russo, oggi Vescovo nel Ciad, avvenne un fatto clamoroso: “Una tradizione dice che Carlo d’Angiò mise a sacco e fuoco San Giovanni Rotondo, uccise gli uomini atti alle armi, spogliò la città e dissacrò il latte delle puerpere, servendolo ai suoi soldati. Le nostre donne invocarono questa Vergine Santissima per scacciare quelle belve, ed effettivamente ciò si realizzò. Le nostre ave, scalze e scarmigliate, portarono ai piedi di questo Quadro parte dell’oro sfuggito al saccheggio e promisero grandi feste per Santa Maria delle Grazie".

Altro intervento miracoloso è collegato alla Veste d’Argento che ricopre il Sacro Quadro nei giorni della festa patronale e che si dice essere precedente al 1860. Ci chiediamo: chi ha donato questa Veste e perché? La risposta la forniscono alcuni storici quando affermano: “Un Episodio che rimarrà nella mente di tutti ci fa ricordare un periodo di siccità che minacciava il raccolto di cereali che erano fonte di ricchezza e di grandi risorse economiche per la nostra cittadina. In questo caso ci si rivolse alla Madonna delle Grazie per implorare il miracolo della pioggia. Si portò il Sacro Quadro nella Chiesa Madre per un novenario di preghiera, cui partecipò moltissima gente, ma l’acqua non arrivò. La Sacra Icona venne perciò riportata in convento tra le urla del popolo che implorava dalla Mamma Celeste la grazia dell’acqua, catechizzandola come Traditrice. Arrivati al Convento, la Sacra immagine venne posta sul sagrato dove il Padre Guardiano parlò alla Vergine, minacciandola di lasciarla fuori dalla Chiesa se non avesse fatto piovere. In un attimo avvenne il miracolo: il cielo si rabbuiò e una copiosa e forte pioggia si abbattè sul paese e nei campi. Per tale motivo, il raccolto di quell’anno fu abbondante. Per ringraziare la Madonna del miracolo avvenuto il nostro popolo donò alla Vergine Santissima una Veste d’argento e un’artistica pedana per portarla in processione. Inoltre promise grandi festeggiamenti in ogni anno”.

Questi sono due momenti, ma le radici della devozione sono più antiche perché si pensa che il Sacro Quadro sia stato portato nella nostra città intorno al tredicesimo secolo. Quindi, come dice il cronista, almeno da allora si pensa che sia nato quell’amore reciproco tra il nostro popolo e la Madre di Dio, amore che si ampliò nel corso degli anni. Tale affetto si sviluppò maggiormente con l’arrivo e la presenza di Padre Pio da Pietrelcina, tanto da creare una sorta di intima confidenza.

Le notizie storiche, però, dicono che la Festa di Santa Maria delle Grazie venne istituita ufficialmente nel 1836. Infatti, una circolare del Governo Borbonico così diceva: “Arcivescovado Sipontino ed Amministrazione della Chiesa vescovile di Vieste = Ufficio…di Manfredonia. Il dì 20 maggio 1836 = Signori == La costante devozione verso la Santissima Vergine onorata sotto il titolo di Madonna delle Grazie, tanto nella Reale famiglia, quanto in tutti popoli del Regno delle due Sicilie, ha mosso il pio e Religioso animo del Re Nostro Signore a chiedere alla Santa Sede di elevarsi a Festa di doppio precetto quella della suddetta Santissima Vergine delle Grazie, ed il Santo Padre, essendosi degnato di piamente annuire alle Religiose istanze di S. M. con breve, spedito a 30 dicembre dello scorso anno, ha prescritto che nel commemorato giorno tutti i fedeli del Regno si astenessero dalle opere servili ed ascoltassero la Messa siccome in tutte le altre festività di doppio precetto, non ostante qualunque anteriore Costituzione e sanzione apostolica sul riguardo. Firmato Vitangelo Salvemini Vescovo”.

La festa civile, poi, venne istituita alla fine dell’ottocento, quando un contadino di nome Russo, guarito per intercessione della Madonna, l’avrebbe decisa in ricordo della grazia ricevuta.

Da quel momento, l’organizzazione venne affidata ai vari Comitati delle Feste Patronali, che la organizzarono fino allo scorso anno.

Da quest’anno, però, essendo nata (il 18 dicembre 2006) a San Giovanni Rotondo la PRO LOCO locale, l’Amministrazione comunale le ha affidato l’incarico di curare il palinsesto delle manifestazioni civili ed artistiche. Questa giovane Associazione Turistica, che speriamo possa avere uno spazio importante nell’organizzazione e nella programmazione delle attività turistico – culturali nella nostra città, ha così organizzato un nutrito programma festivo che inizierà il 31 agosto, in concomitanza con la Processione del Sacro Quadro, il quale, partendo dal Convento dei Padri Cappuccini, raggiungerà la Chiesa di San Leonardo, dove inizierà il novenario di preghiera. Già nei giorni immediatamente precedenti la festa, si avranno spettacoli vari nelle piazzole del paese, organizzati in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura ed allo Spettacolo del nostro Comune.

Il giorno 8 settembre presterà servizio la Grande Orchesta lirico-sinfonica “Orchestra Mediterranea” di Salerno, diretta dal M° Mario Ciociano e alle ore 20:30 uno schermo gigante posto in Piazza dei Martiri, irradierà le immagini dell’incontro di calcio Italia – Francia. Nei giorni 8 – 9 – 10 vari spari di mortaretti, giochi pirotecnici, bellissima cassarmonica e fantasmagoriche illuminarie, creeranno le basi per una brillante festa.

Motivo dominante del giorno 9 sarà il fattore religioso, con la Messa solenne delle mattina, celebrata da S.E. Mons. Domenico Umberto D'Ambrosio. La sera si svolgerà la grande processione per le vie della città. A seguire, in Piazza Europa si svolgerà il concerto di Raffaele Tedesco, con uno speciale omaggio a Lucio Battisti, di cui ricorre il nono anniversario della morte. Alla fine del concerto, grandi fuochi pirotecnici chiuderanno la serata presso il campo sportivo.

Il giorno 10, nel pomeriggio, si snoderà la processione che riaccompagnerà il Sacro Quadro al Convento dei Cappuccini e, all’arrivo di essa, verrà eseguito un fuoco pirotecino. I festeggiamenti si chiuderanno in Piazza Madre Teresa di Calcutta con il grande concerto del cantautore Neffa.

Si coglie l’occasione per ringraziare l’Amministrazione Comunale, la Pro Loco San Giovanni Rotondo, gli enti, le ditte, le banche e tutti coloro che hanno voluto contribuire alla riuscita della festa stessa. Un grazie particolare all’Assessore Michele Crisetti che è stato particolarmente vicino all’organizzazione.

 

Pio Ripoli

 

 

 

 

CITTA’ DI SAN GIOVANNI ROTONDO

 

FESTA PATRONALE DI MARIA SS. DELLE GRAZIE

 

8 – 9 – 10 SETTEMBRE 2007

 

PROGRAMMA RELIGIOSO

 

31 agosto

§                    Ore 18:00 – Convento di Santa Maria delle Grazie, S. MESSA celebrata da Fr. Carlos M. LABORDE, Guardiano del Convento dei Frati Minori Cappuccini di San Giovanni Rotondo

§                    Ore 19:00 – PROCESSIONE del Sacro Quadro di S. Maria delle Grazie dal Convento alla Chiesa Madre: v.le Cappuccini – P.zza Europa – c.so R. Margherita

 

Celebrazioni presso CHIESA MADRE, Parrocchia di San Leonardo Abate

 

§                    31 agosto, ore 20:00 – Inizio NOVENARIO con S. MESSA

 

1 – 8 settembre

§                    Ore 08:00 – S. MESSA

§                    Ore 19:00 – Novena con S. MESSA

 

Domenica 2 settembre

§                    SS. MESSE ore 09:30 – 11:30 – 19:30

 

Domenica 9 settembre

Solennità di Santa Maria delle Grazie

§                    SS. MESSE ore 07:00 – 08:30 – 10:00

§                    Ore 11:30 – MESSA SOLENNE con Autorità religiose, civili e militari – presieduta da S.E. Mons. Domenico Umberto D'Ambrosio

§                    Ore 18:30 – S. MESSA

§                    Segue Processione lungo il seguente percorso: c.so Regina Margherita – c.so Matteotti – via della Rotonda – via De Bonis – via Nardella – c.so Nazionale – c.so Roma – c.so Umberto I – Chiesa Madre

 

Lunedì 10 settembre

§                    SS. MESSE ore 08:00 e 18:30

§                    Segue Processione lungo il seguente percorso: c.so Umberto I – p.zza Europa – V.le Cappuccini – Santuario Santa Maria delle Grazie.

 

*****

 

PROGRAMMA ARTISTICO

 

La PRO LOCO SAN GIOVANNI ROTONDO, in collaborazione con L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, per degnamente onorare la Santa Patrona della nostra città, ha allestito il seguente programma delle manifestazioni civili:

 

31 agosto

§         Ore 19:00 – Sparo di mortaretti

 

8 settembre

§                    Ore 08:00 – Sparo di mortaretti

§                    Ore 08:30 – Giro per le vie della città del Gran complesso lirico-sinfonico “FILARMONICA MEDITERRANEA” di Salerno

§                    Ore 11:30 – P.zza dei Martiri, MATINÉE in cassarmonica della “Filarmonica Mediterranea” di Salerno

§                    Ore 12:00 – Sparo di mortaretti

§                    Ore 17:30 – Giro per le vie della città del Gran complesso lirico-sinfonico “Filarmonica Mediterranea” di Salerno

§                    Ore 19:30 – SERVIZIO IN ORCHESTRA della “Filarmonica Mediterranea”, diretta dal M° Mario Ciociano (I parte)

§                    Ore 20:30 – Piazza dei Martiri, visione su schermo gigante dell’incontro di calcio Italia – Francia

§                    A seguire, II parte del Servizio in Orchestra della “Filarmonica Mediterranea”

 

9 settembre

§                    Ore 08:00 – Sparo di mortaretti

§                    Ore 08:30 – Giro per le vie della città del Corpo Bandistico “EUPHONIA” di San Giovanni Rotondo

§                    Ore 11:30 – MATINÉE in Piazza dei Martiri del Corpo Bandistico “Euphonia”

§                    Ore 12:00 – Sparo di mortaretti

§                    Ore 18:00 – Giro per le vie della città del Complesso Bandistico “U. GIORDANO” di San Giovanni Rotondo

§                    Ore 19:30 – Ad inizio processione, sparo di mortaretti

§                    Ore 21:30 – Piazza Europa, “OMAGGIO A BATTISTI”, concerto del cantautore RAFFAELE TEDESCO, preceduto da introduzione del giovane gruppo musicale DREAMERS.

§                    Ore 00:15 – Grande SPETTACOLO PIROTECNICO a cura della premiata ditta “Pirotecnica Fontana” di G. Parente di Torremaggiore (Fg)

 

10 settembre

§                    Ore 08:00 – Sparo di mortaretti

§                    Ore 12:00 – Sparo di mortaretti

§                    Ore18:00 – Giro per le vie della città del Corpo Bandistico “Euphonia” di San Giovanni Rotondo

§                    Ore 19:30 – Ad inizio processione, sparo di mortaretti

§                    Ore 21:30 – Piazza Madre Teresa di Calcutta,  NEFFA in concerto, “ALLA FINE DELLA NOTTE TOUR”.

 

La Pro Loco San Giovanni Rotondo RINGRAZIA l’Assessorato alla Cultura ed allo Spettacolo e l’Amministrazione comunale di San Giovanni Rotondo, le Forze dell’Ordine, la Protezione civile, le associazioni e soprattutto la cittadinanza per aver contribuito alla riuscita della festa.

Si ringrazia inoltre il Credito Cooperativo – Cassa Rurale Ed Artigiana- di San Giovanni Rotondo per aver offerto le luminarie,  la ditta Lombardi Ecologia s.r.l. e la Societa’ Cooperativa Medusa per aver offerto i fuochi pirotecnici e il c. comm. Conad I Mandorli per aver messo a disposizione il proprio parcheggio per il concerto di Neffa.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright