The news is by your side.

Incendi sul Gargano, contrordine risarcimento anche per i turisti

24

Incendi sul Gargano: pre­sto i risarcimenti anche per i turisti. Nei mesi scorsi il Centro tutela consumatori e utenti (Ctcu) si è attiva­to per ottenere il contribu­to previsto dall'Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (del 28 agosto 2007) per i danni subiti negli incendi avvenuti que­st'estate nel Sud Italia. I danneggiati che si erano rivolti alla Prefettura di Foggia per ottenere il risar­cimento, infatti, avevano ottenuto risposta negativa alle richieste. Secondo la Prefettura, infatti, l'ordi­nanza era prevista solo ed esclusivamente per i dan­neggiati residenti in Puglia, quindi ai turisti non spet­tava niente. Il Ctcu ha contattato gli uffici foggiani, chiedendo spiegazioni sulle informa­zioni date ai turisti dan­neggiati e sul diniego otte­nuto alla richiesta di risar­cimento. La Prefettura con­fermava quanto comunica­to ai richiedenti, rilevando la giusta interpretazione del­l'ordinanza da parte dei pro­pri uffici (il contributo di massimo 9mila euro per i beni mobili registrati indi­spensabili era da intender­si solo ed unicamente a favore dei residenti in Pu­glia) ed aggiungeva di rivol­gersi, in caso di eventuali lamentele, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, autrice dell'ordinanza stes­sa. Contattata la Presidenza del Consiglio dei Ministri il Ctcu ha ottenuto una rispo­sta per i turisti danneggia­ti ed inizialmente "beffati" dal diniego ottenuto dalla Prefettura di Foggia. Alla richiesta di una cor­retta e giusta interpreta­zione dell'ordinanza il Com­missario Delegato Guido Bertolaso, infatti, così ris­ponde: "Il contributo pre­visto per l'acquisto o il ripri­stino di beni mobili regi­strati danneggiati o distrut­ti dopo gli incendi si ritie­ne possa essere riconosciuto anche a favore di proprie­tari di beni mobili registrati non residenti in Puglia, pur­ché si tratti di beni di carat­tere indispensabile". La Prefettura di Foggia, vista l'ufficiale interpretazione della Presidenza del CdM, non potrà quindi negare il contributo ai turisti che hanno subito danni alle loro auto. Secondo il vicepresi­dente del Consiglio regio­nale Lucano, Franco Mattia "Il decreto con la riparti­zione dei fondi statali alle Regioni, che prevede appe­na 238mi1a euro alla Luca­nia dopo la `tragica' stagio­ne degli incendi boschivi della scorsa estate, è la ripro­va della profonda sottova­lutazione da parte del Gover­no che ha finalizzato le scar­se risorse finanziarie non solo ad interventi di rim­boschimento di aree distrut­te dal fuoco ma persino ad interventi per la conserva­zione del patrimonio boschi­vo".


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright