The news is by your side.

Foggia, un occhio al mercato l´altro alla sfida col Sassuolo

7

Voci insistenti sull´arrivo di un portiere e di un attaccante di peso. Preparando la delicata partita di dopodomani col Sassuolo, si finisce per inciampare nelle indiscrezioni di mercato che darebbero già per compilata la lista delle partenze e in via di ultimazione quella degli arrivi.
Ad esempio sembrerebbe molto vicino al Foggia il portiere del Chievo Verona Massimo Zappino mentre contemporaneamente sarebbe prossimo alla separazione dal club rossonero l´attuale portiere Antonio Castelli, così come più fonti porterebbero al rientro in squadra dell´attaccante cileno Mario Salgado (in alternativa si pensa a Biancolino) e di conseguenza al paventato addio di Gianvito Plasmati.

Due mosse di mercato che, unitamente all´arrivo di almeno un centrocampista e un difensore centrale, senza dubbio porterebbero valore aggiunto alla rosa attualmente a disposizione di mister Campilongo, ma che al tempo stesso ammetterebbero senza più timori di sorta che la campagna acquisti dello scorso luglio è stata condotta con eccessiva fretta e senza la necessaria oculatezza.

Ne sono la dimostrazione pratica, sempre che le indiscrezioni dovessero essere confermate, la ricerca di un portiere titolare al quale affidare regia e redini della difesa (figura che storicamente si definisce durante l´allestimento estivo delle compagini) e quella di un attaccante degno di questo nome (a parte la brillante operazione che ha condotto alla semi proprietà di Del Core, Salgado e Plasmati, il Foggia dai tempi di Molino è ancora alla ricerca di un bomber che con la pioggia o col bel tempo assicuri almeno 15 reti a campionato).
Se a queste considerazioni si aggiunge che anche il play Antonino Cardinale potrebbe prendere il largo, probabile destinazione Pescara, il quadro diventa completo e in questo caso anche amaro perché forse qualcosa in più per trattenere Fabio Pecchia poteva essere fatta.

Tornando agli immediati impegni del Foggia, la squadra si appresta a preparare la partita contro i modenesi senza ulteriori defezioni rispetto a quelle che già si conoscevano: Arno e Coletti per squalifica, Lisuzzo e Biancone per infortunio (anche se su quest´ultimo si nutrono ancora delle timide speranze di recupero). In difesa rientra Rinaldi, in ballottaggio con Delli Carri per una maglia da titolare. Fiducia incrollabile e ottimismo a prova di bomba, Campilongo crede nel colpaccio che potrebbe cambiare la stagione e riscrivere ruoli e ambizioni. Altrimenti, ma di questo sembrano tutti consapevoli, il Foggia dovrà rassegnarsi a una stagione da incompiuta.

Davide Grittani – Gazzetta del Mezzogiorno


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright