The news is by your side.

Lavoratori del 118 una vittoria del sindacato

51

Si chiude positivamente per tanti lavoratori del servizio 118 del Gargano nord l'anno 2007. Con l'approvazione della legge di bi­lancio regionale è prevista la reinternalizzazione dei servizi che, oggi, sono garantiti da per­sonale esterno. Ora saranno i direttori gene­rali delle Aziende sanitarie ad adottare i provvedimenti dovuti.
Anche se il sindacato esprime la propria soddisfazione per il risultato raggiunto, dopo anni di lotta, nello stesso tempo esprime qualche perplessità, in quanto – si legge in un comunicato della federazione pubblico impiego (Cub) – "Non avremmo voluto ci fosse la discrezionalità dei Diret­tori generali". Comunque, gli esponenti sindacali garantisco­no che la "lotta dei lavoratori sa­rà dura fino a quando il prov­vedimento legislativo non trove­rà piena attuazione". Per il sindacato si tratta, co­munque, di "una grande vittoria anzitutto di quei lavoratori che non si sono mai rassegnati a su­bire passivamente chi schiaccia­va loro dignità e diritti; ma anche un successo del sindacato che, da anni, isolata, si batte contro gli sperperi derivanti dalle estrena­lizzazioni dei servizi". Il prossimo passo sarà la ri­chiesta al Commissario straor­dinario dell'Asl Foggia di un in­contro immediato alla luce di quanto legiferato dalla Regione che prevede, appunto, l'assunzio­ne a tempo indeterminato di in­fermieri e autisti del 118. Il personale che presta servi­zio nei centri di primo intervento è dipendente o socio di una delle tante cooperative alle quali l'Azienda sanitaria affida il ser­vizio 118, dopo espletamento di una gara d'appalto. Dunque, autisti e infermieri garantiscono le stesse prestazio­ni dei colleghi alle dipendenze dirette delle Aziende sanitarie, ma con la differenza che lo sti­pendio dei lavoratori delle coo­perative non supera 700euro. Ma come tante altre cose stra­ne che si registrano nella pub­blica amministrazione, non si comprende il perchè in Puglia circa i170 per cento delle 129 po­stazioni esistenti del 118 è affi­dato a privati e il solo restante 30 per cento è garantito da perso­nale alle dirette dipendenze dell'Azienda sanitaria. Si potrebbe obiettare che, in questo modo c'è un risparmio per la Pubblica amministrazione se non fosse, invece, vero esatta­mente il contrario. Infatti, secon­do dati forniti dallo stesso asses­sorato alla sanità pugliese, il co­sto medio di un lavoratore di coo­perativa sociale (nello specifico autista di ambulanza) che opera nel 118 è di circa 15 euro l'ora più Iva (del quale, in molti casi, il 50 per cento rimane nelle tasche dei dirigente delle cooperative) men­tre un lavoratore di ruolo (autista cat. B – fascia 3 con una media di 150 ore mensili di lavoro), costa circa 15 euro netti, oneri sociali compresi.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright