The news is by your side.

Campionato Juniores, Atletico Vieste – Lucera 1 – 1

5

Succede tutto nella prima frazione di gioco. E dal botta e risposta tra Patrone e Misuraca nasce il pareggio che Vieste e Lucera hanno accolto in maniera positiva.
Certi si puo’obiettare che i viestani hanno perso l’occasione per allungare il passo su chi insegue ma il punticino non è da buttare perche’ ottenuto contro una squadra organizzata sotto il profilo tattico (che nel finale ha rischiato anche di fare il colpaccio) e perche’ i bianco/azzurri sono apparsi appesantiti dagli impegnativi carichi di lavoro svolti durante la settimana. Fin dalle prime battute è evidente che il Lucera sara’osso duro da rodere. I lucherini operano un pressing indiavolato in tutte le zone del campo guidati dal playmacker Palmieri piazzato davanti ai quattro difensori. Il Vieste non trova subito il bandolo della matassa ma quando ci riesce sono applausi come al 7’ quando un azione corale che vede impegnati, Vescera, Campaniello e Laprocina viene rifinita da quest’ultimo con un invitante cross per Patrone che conclude debolmente tra le braccia di Malatacca. Al 10’ Laprocina incontenibile sulla fascia sinistra, si beve tutta la retroguardia avversaria, entra in area e viene strattonato, per l’arbitro non ci sono dubbi è rigore che un glaciale Patrone trasforma. Al 20’ il Vieste potrebbe raddoppiare con Coda che spedisce sopra la traversa, da buona posizione, un altro assist di Laprocina. Il vantaggio e il Lucera costretto in dieci uomini dal 35’ per l’espulsione di De Vito, dovrebbero mettere le ali ai viestani che invece arretrano il baricentro permettendo agli ospiti di premere sull’acceleratore  subendone l’iniziativa. Infatti, al 42’ gli ospiti pareggiano con Misuraca, che risolve una mischia accesasi davanti a Prencipe. La ripresa e’ quasi un monologo degli ospiti, mentre il Vieste appare stanco ma cerca con generosita’ la vittoria prestando il fianco al contropiede del Lucera. Ultimo sussulto all’87’ quando lo scatenato Ottaviano s’invola verso la porta difesa da Principe e a tu per tu spreca una ghiottissima occasione per portare a casa i tre punti.
Le pagelle
Prencipe 6 –  Qualche incertezza nelle uscite, per il resto normale amministrazione. Sul gol poteva fare di piu’. Da riconfermare
Tommasetti  6 +  Presidia con autorevolezza la propria fascia di competenza, annullando chiunque passi dalle sue parti. Concentrato
Fabrizio 6  Buona la sua prova. In copertura c’e’, meno vivo in fase offensiva dove spinge poco. Troppo nervoso
Laprocina 6,5  Attivo, veloce, molto mobile sull’out sinistro, spesso e’ il primo a far ripartire quella manovra veloce che poteva essere l’arma per sorprendere un complesso valido come il Lucera. Incontenibile
Masciullo 6 +  Difende e si propone con raziocinio. Tira fuori una determinazione da veterano quando deve fermare l’ardore avversario. Gigante buono
Vescera 6 +  Contro aveva signori di giocatori ma fa la sua parte anche se spesso in maniera non del tutto precisa, ma l’impegno non manca di certo, oltre alla voglia di crescere in questo gruppo. Lottatore
La Torre 6  Non e’ la sua partita, troppi duelli fisici, troppo poco spazio per tecnica e velocita’. Ci mette, pero’ tanto impegno.
Pellegrino 6,5  Attento nel far salire la squadra, comanda la difesa in linea e lo fa al meglio, con grande personalita’ ed intelligenza tattica, rischiando pochissimo.
Coda  6 –  Cerca di tenere la squadra corta. Corre, tampona, si da’ da fare. Esce di scena troppo presto per problemi fisici.
Campanello 6,5  L’anima della squadra. Lotta come un forsennato cerca di mettere ordine anche se non e’ propriamente il suo forte. Novanta e passa minuti ad altissimo livello d’intensita’ agonistica. Esemplare
Patrone 6 +  Poco servito, l’attaccante e’ costretto ad arretrare e si trova preso in mezzo dal duo dei centrali avversari. Quando prende palla porta vivacita’, voglia di fare, grinta e determinazione. Freddo nell’esecuzione del rigore. Bomber di razza.

At. Vieste: Prencipe, Tommasetti, Fabrizio, Laprocina(Tatalo), Masciullo, Vescera, La Torre(Del Vischio), Pellegrino, Coda, Campanello, Patrone a disp. Zillo, Di Tifico all. Teodoto Palatella
Reti: al 10’ Patrone (r ) e al 42’ Misuraca
Enzo Casamassima


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright