The news is by your side.

Decollano 7 nuovi distretti produttivi in Puglia

17

Il distretto produttivo è infatti una rete di imprese legate tra loro per comparti produttivi o per filiere, che svolgono quindi attività collegate.

 

Decollano in Puglia sette nuovi Distretti produttivi e con questi 1146 imprese si candidano a sperimentare insieme con associazioni, sindacati, università, centri di ricerca ed enti, le opportunità di una nuova economia, all’insegna dell’innovazione e dell’aumento della competitività. Si tratta del

“Distretto Produttivo dell’Edilizia Sostenibile Pugliese (che conta 133 imprese),

“Distretto Produttivo della Nautica da Diporto in Puglia” (70 imprese),

 “Distretto Produttivo della Filiera Moda Puglia” (230 imprese),

 “Distretto Logistico Pugliese” (111 imprese),

 “Distretto Produttivo Lapideo Pugliese” (201 imprese),

 “Distretto Produttivo Pugliese delle Energie Rinnovabili e dell’Efficienza energetica ‘La Nuova Energia’” (263 imprese),

 “Distretto Produttivo dell’Ambiente e del Riutilizzo” (138 imprese).

Sono stati riconosciuti dalla Giunta regionale due giorni fa (10 dicembre 2008) dopo un lavoro complesso condotto dall’Assessorato allo Sviluppo economico che ha portato ad accorpare tredici progetti diversi in soli sette distretti. Un atto amministrativo di razionalizzazione necessario perché in molti casi le proposte erano analoghe. È avvenuto per la moda, la logistica, il lapideo, l’energia e l’ambiente, ciascuno con due progetti simili, addirittura tre nel caso dell’energia. Una fusione indispensabile per lo spirito stesso della legge sui distretti.

Il distretto produttivo è infatti una rete di imprese legate tra loro per comparti produttivi o per filiere, che svolgono quindi attività collegate, anche se in territori non confinanti tra loro, ma con il coinvolgimento delle istituzioni che operano in quei territori. Per i sette neo-riconosciuti distretti produttivi inizia una nuova storia economica ricca di possibilità ancora inesplorate. “Le potenzialità di un distretto – spiega il Vice Presidente e Assessore allo Sviluppo economico Sandro Frisullo – derivano dal fatto che in un unico sistema integrato si coniugano produzione, ricerca, innovazione e formazione degli operatori, finalizzate ad incrementare la competitività e a conquistare fette di mercato e quote di export, presentando proposte innovative. Una situazione già concreta con il “Distretto produttivo aerospaziale pugliese” che sta raccogliendo consensi in tutta Europa. Speriamo di poter replicare presto questo successo anche con gli altri distretti. Per la Puglia un primo traguardo è già raggiunto: i settori più strategici della nostra economia oggi sono già Distretti produttivi”.
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright