The news is by your side.

Manfredonia – In un anno ispezionate 80 navi

28

Per il decimo anno consecutivo la Guardia Costiera Italiana (nella foto una motovedetta) si attesta tra le prime nazioni in Europa in un settore strategico quale la sicurezza dei trasporti via mare, confermando anche per il 2008 il primato dell’Italia per navi straniere trattenute nei porti nazionali in quanto considerate pericolose per l’ambiente, per i passeggeri e gli equipaggi (navi substandard). Nel porto pugliese di Manfredonia, il personale in servizio alla Capitaneria di Porto ha proceduto ad ispezionare, nel 2008, ben 80 navi sia da pesca che da traffico merci e passeggeri, procedendo al fermo di due unità straniere per carenze in materia di sicurezza della navigazione. Delle 1927 navi straniere – sia mercantili che passeggeri – controllate nei porti nazionali, 224 sono risultate non conformi agli standard di sicurezza e per questo trattenute fino all’eliminazione delle irregolarità accertate.
Questo quanto emerge dal rapporto annuale 2008 sull’attività ispettiva di Port State Control compiuta dagli ufficiali del Corpo appositamente abilitati presso il Centro di formazione della Guardia Costiera di Genova. L’attività consiste nel visitare almeno il 25% delle navi straniere che approdano nei porti nazionali secondo un criterio di priorità determinato dall’età della nave, dalla pericolosità del carico e dagli eventuali precedenti fermi avvenuti in altri porti, assicurando così il controllo delle unità a maggior rischio.
A tale attività – nata a seguito di un accordo firmato da 27 paesi europei per contrastare li fenomeno delle “navi substandard” – il personale della Guardia Costiera affianca l’altrettanto importante attività di controllo sulle navi italiane – 465 ispezioni nel 2008 – in porti nazionadli ed esteri. Garantire, tramite un costante monitoraggio, l’efficienza di unità navali in un bacino chiuso e intensamente trafficato qual è il Mediterraneo è essenziale per la sicurezza di chi vi viaggia e vi lavora e per la salvaguardia dell’ambiente marino.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright