The news is by your side.

San Severo: Università sposta corso per infermieri, ma arriva un «no»

29

«Non è possibile gettare alle ortiche il lavoro svolto in tanti anni. Dopo tanti sforzi, nel 2003, siamo riusciti a far riaprire in città il corso per infermieri ed ora, con un colpo di spugna lo si vuole cancellare?»

Rischia di scomparire il corso di laurea in Scienze infermieristiche attivo in città da oltre sei anni. A meno di fatti nuovi, il blocco delle iscrizioni al primo anno produrrà nei prossimi due anni la chiusura definitiva dei corsi. U n’ipotesi che non piace ai rappresentanti locali Udc che intendono scendere in campo per scongiurare tale prospettiva. «L’Università di Foggia – spiega Raffaele Bentivoglio, dirigente provinciale Udc -, per rispondere alla richiesta formativa della Asl della Bat, ha deciso di chiudere il corso di Scienze infermieristiche di San Severo. Una proposta non condivisa dal consigliere regionale del Pd, Dino Marino, che in qualità di presidente della commissione regionale sanità ha, almeno sulla stampa, manifestato la sua contrarietà all’iniziativa. Intanto, il tempo passa e molti sanseveresi non intendono accettare passivamente la chiusura definitiva dei corsi».

Quindi, allo scopo di individuare una soluzione positiva della questione, l’esponente Udc chiede al consigliere regionale Marino, di attivare tutte le iniziative necessarie per evitare il preannunciato taglio dei corsi universitari. «Non è possibile gettare alle ortiche – sostiene Bentivoglio -, il lavoro svolto in tanti anni. Dopo tanti sforzi, nel 2003, siamo riusciti a far riaprire in città il corso per infermieri ed ora, con un colpo di spugna lo si vuole cancellare? Quel corso di laurea non produce disoccupati ma, professionisti che trovano lavoro ancor prima di concludere il loro percorso formativo. Non possiamo, perciò, rimanere fermi a guardare mentre ci chiudono quel corso di laurea. Sappiamo che alla base della decisione vi sono precise indirizzi dettati dal Governo, tuttavia chiediamo al rettore Giuliano Volpe, di rivedere quella decisione».

L’annunciata chiusura del corso di laurea deriva, infatti, dall’applicazione di direttive ministeriali molto rigide sull’apertura e lo svolgimento dei corsi di laurea. Ciò nonostante secondo l’esponente Udc, non è possibile chiudere, all’improvviso un corso attivo, che e sin dall’attivazione produce risultati entusiasmanti in termini di partecipazione e di risultati. «Se la decisione di chiudere il corso – conclude l’ex assessore Bentivoglio -, deriva da esigenze di contenimento della spesa degli Atenei, non si comprende allora perché si vuole chiudere il corso di laurea per infermieri a San Severo per attivare lo stesso nella nuova provincia Bat. Perciò, sollecitiamo il consigliere Marino a farsi carico delle esigenze di questo territorio che continua ad essere penalizzato nel disinteresse generale».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright