The news is by your side.

Foce Varano/ Inaugurata pista ciclabile e anfiteatro

18

 

Lo scorso 13 Agosto nell’ambito del progetto comunale del Comune di Ischitella per il potenziamento delle infrastrutture turistiche di Foce varano, oltre ad essere inaugurata una pista ciclabile che costeggia il mare, un anfiteatro con adiacente un parco gioco, vi è stata anche l’inaugurazione di un bellissimo monumento bronzeo realizzato dalla scultrice Aurora Russi ed ispirato alla leggenda della città Uria.

 

“ URIA…..  TRA STORIA E  LEGGENDA”

Il racconto sulla mitica città di Uria sommersa dalle acque e tramandato dai nostri avi, da sempre ha suscitato in me un fascino particolare, tale da approfondire e proporre in chiave artistica-scultorea la vicenda stessa. I pescatori  narravano durante le battute di pesca, interpretando il  suono cupo somigliante al muggito di un toro ferito che si eleva dal lago soprattutto durante le giornate ventose, un suono che la gente del posto chiama “vocian-taure”: vocem – Tauri urlante dall’abisso o voce del Tauro  mitico governatore della  dissoluta città di Uria  sommersa per castigo divino, presumibilmente tra il V- VI sec a.C.  Il Re  prende nome dalla catena montuosa “Tauro”  situata nell’allora Anatolia conosciuta sia dai Fenici che dai Greci che sbarcarono sulle nostre coste. Anticamente, secondo alcune fonti , Uria era sita ad oriente del lago di Varano,  da cui fondali riaffiorano  leggendari campanili e resti di rovine murarie . Oggi con studi più recenti sostenuti dall’archeologia, si cerca di ubicare in maniera più certa e scientifica l’antica città che credenza vuole sia stata inondata dalle acque. Acque torbide e minacciose fermate da una fanciulla umile e gentile di nome Nunzia, che abitava in una casetta alle sponde del lago, si dice  che mentre incombeva il cataclisma  lanciò il gomitolo quietando  la furia dell’evento; nella fantasia popolare la donna che filava al fuso era la Vergine Annunziata, su questo tema si sbizzarrirono poeti e scrittori ; il suo  ricordo è fissato nella chiesetta del Crocefisso di Varano  che da lei prende il nome, ed è in quella direzione che è posizionato il gomitolo bronzeo visibile al di sotto del livello dell’acqua simbolo del lago. Gli abitanti salvati nelle vicine montagne e boschi di carpini, ischi e altri arbusti diedero origine a Carpino, Cagnano, Ischitella . Il ricordo di Uria trapela ovunque: dalle denominazioni di strade, piazze, associazioni culturali, società ed istituzioni  pubbliche.
La composizione scultorea è accolta all’interno di una conchiglia sostenuta da massi che fungono da scoglio. Le figure bronzee a grandezza naturale, si sviluppano su due livelli differenti: il Tauro in basso sprofonda fra i ruderi della sua città su cui poggia in bilico continuando a dar vita  alla  “vociantaure” riecheggiante nel tempo che – se pur colpevole – come un toro imbrigliato e punito, avrà ormai scontato la pena dei delitti antichi. La sua corona  frantumata simboleggia la sua imminente decadenza, mentre sorpreso dagli eventi si volge e punta implorante la  fanciulla rappresentata nell’atto di fermare il cataclisma. La donna risponde all’evento con una scattante torsione del tronco e della spalla che ne accentua il movimento e la sua potenza spirituale. Protende decisa il braccio bloccando l’impeto degli elementi e sul palmo della sua mano destra  prende   forma l’immagine del sacro suono “radice” della creazione  che sta a sottolineare la transizione  che segna  la  fine ed un inizio di un ciclo che si rinnova nel tempo. La scelta della tematica è dettata dall’esigenza di recuperare le tradizioni popolari territoriali a lungo dimenticate  che possono trovare così nell’espressione artistica-scultorea  una degna commemorazione continuando a dar vita alla leggendaria città di Uria e ai suoi protagonisti  nei secoli a venire.
                                        Nunzia Aurora Russi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright