The news is by your side.

Tra l’orienteering e il Gargano è scoccato l’amore

22
Dopo soli due giorni di gare, si levano alti i consensi per la rassegna di Orienteering denominata Five Days, in corso di svolgimento tra la Foresta Umbra, Vico, Ischitella e Peschici

Oltre 300 gli atleti giunto da 20 diverse nazioni europee, entusiasti di correre tra gli alberi o nelle viuzze dei nostri centri storici..

Five Days di orienteering sul GarganoA stupire maggiormente chi sta seguendo le gare, è l’eterogeneità delle età dei partecipanti, donne o uomini che siano: abbiamo visto bambine di 5-6 anni indossare il proprio pettorale di gara, al fianco di ultra settantenni ancora “sprint”. Se i più piccoli gareggiano accompagnati da mamma o papà (ma la mappa e le decisioni su quali strade intraprendere le vogliono comunque prendere loro), quelli un po’ più grandi ma comunque in età da scuola elementare (principalmente svizzeri o provenienti dai paesi scandinavi), scorrazzano con grande padronanza tra quelle vallate, rovi, alberi, stradine e scalinate che intimorirebbero noi “matusa” non avezzi a questa disciplina.

Five Days di Orienteering sul GarganoNon dobbiamo stupirci, quindi, quando constatiamo una maggiore emancipazione e disinvoltura da parte di quelle popolazioni: se a 10 anni sono in grado di attraversare da soli un bosco o un centro storico mai visto prima e hanno la capacità (abitudine) di prendere la scelta più giusta in un lasso di tempo brevissimo, è normale che da grandi sapranno affrontare la vita con più decisione e meno timori verso il mondo che li circonda.

La cerimonia inaugurale si è svolta lunedì sera nel centro di Vico del Gargano, in concomitanza con lo svolgimento della prima delle 5 gare in programma. Tra gli altri, erano presenti (alla cerimonia, non alla gara) Sergio Grifoni (presidente della Federazione Italiana Sport Orientamento), Gabriele Viale (organizzatore della manifestazione e presidente del comitato per la candidatura del Gargano ad ospitare il mondiale di orienteering nel 2012), Nicola Vascello (assessore allo sport e turismo della Provincia di Foggia), Mimmo Gaeta (consigliere provinciale), Giandiego Gatta (commissario dell’Ente Parco Nazionale del Gargano), Mimmo Vecera (sindaco di Peschici), Luigi Damiani (sindaco di Vico), Nicola Sciscio (delegato allo sport del comune di Vico), Marino Pellico (coordinatore regionale delle attività sportive studentesche) e il Tenente Colonnello Francesco Antonio Di Paola (comandante della caserma "Iacotenente" dell’Aeronautica Militare).

La sobria manifestazione di apertura dei giochi ha avuto il momento più alto quando la banda ha eseguito gli inni di Italia e d’Europa, mentre alcuni ragazzini mostravano i cartelli indicanti i Paesi di provenienza degli atleti.

Mentre la gara volgeva al termine, è stato allestito un buffet (offerto dall’Amministrazione Provinciale) per la degustazione di bruschette, orecchiette, pizza, pasta fredda e salsicce alla griglia, il tutto accompagnato da un ottimo bicchiere di vino rosso. Nella villetta antistante il Palazzo Municipale vichese, pullulavano i cestini per i rifiuti, rigorosamente suddivisi per contenere vetro, plastica, carta e umido.

Grande soddisfazione tra i circa 800 ospiti (tra atleti, allenatori e accompagnatori) che affollano il nostro territorio in questi giorni: i complimenti si sono sprecati in favore dell’impeccabile organizzazione ma anche alla bellezza dei luoghi e al fascino del borgo antico di Vico del Gargano.

Five Days di Orienteering sul GarganoLa seconda giornata di gare ha avuto come scenario il bosco della Foresta Umbra. Il via alla corsa è stato dato alle 15 quando, gli oltre 300 concorrenti hanno potuto finalmente consultare la mappa e buttarsi a capofitto lungo il tracciato per loro disegnato. Cinque le categorie partecipanti, suddivise in base all’età dei partecipanti; per ognuna di loro un percorso differente, il cui grado di difficoltà è strettamente legato alla categoria.

“Non ci saremmo mai aspettati di vedere scenari così belli – ci ha confidato una signora giunta da Bolzano – e sono estremamente felice di aver seguito mio marito in questo viaggio”. Tutte le persone, di qualunque nazionalità, alle quali abbiamo chiesto se consiglierebbero il Gargano come meta per trascorrere le vacanze, ci hanno dato la stessa risposta: “Certamente!”.

Five Days di Orienteering sul GarganoAnche se timidamente, l’orienteering inizia ad affascinare anche gli atleti di casa nostra tanto da far pensare alla costituzione delle prime associazioni sportive: tra i primi a muoversi, il comandante della base militare dell’Aeronautica Militare di Iacotenente che vorrebbe allestire un gruppo di atleti in grado di poter partecipare al tanto desiderato campionato del mondo.

Come dire, il Gargano ha incantato l’orienteering… e viceversa…

Non ci rimane che sperare che la stessa positiva impressione l’abbiano avuta anche i due ispettori inviati per valutare le capacità organizzative, logistiche e paesaggistiche del nostro territorio, al fine dell’assegnazione dei mondiali di orienteering nel 2012. Ma per questo dovremo aspettare fino al 7 novembre; nel frattempo, godiamoci lo spettacolo delle gare che si svolgerannonei prossimi giorni. Questi gli appuntamenti:
mercoledì: Foresa Umbra – partenza ore 11.00
giovedì: Ischitella/Foce Varano – partenza ore 11.00 – alle ore 16 aperitivo e premiazione delle prime 4 gare
venerdì: Peschici – partenza ore 9.00

Sandro Siena


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright