The news is by your side.

Parco del Gargano/ Stanziati cinquantamila euro per alimentare i caprioli italici

16

Cinquantamila euro per seminare e coltivare i campi, proteggerli dalla fauna domestica e dal pascolo e metterli così a disposizione della popolazione del capriolo italico del Gargano. E’ questo lo scopo dell’ultimo bando emanato dal Parco Nazionale del Gargano, la cui scadenza per la presentazione delle domande è del 15 dicembre. Al fine di favorire la conservazione del capriolo italico, il Parco ha aperto un bando per l’assegnazione di incentivi economici finalizzati alla colture a perdere in terreni seminativi ricadenti nell’area di diffusione del capriolo italico nell’area protetta. Le risorse a disposizione sono pari a cinquantamila euro.
Le colture oltre a non essere raccolte dovranno essere anche protette affinché sia garantito del cibo all’animale. Queste le specie da utilizzare per la coltivazione: sorgo, farro, cicerchia, cece nero, frumento, erba mazzolina, erba medica, lupinella, grano saraceno, trifoglio, che dovranno essere lasciate in campo fino al 28 febbraio dell’anno successivo alla semina. «Dopo la fase di studio – unitamente all’Università di Siena e all’Istituto Nazionale della Fauna Selvatica – del capriolo del Mediterraneo, si è passati alla fase d’intervento sul territorio. Grazie ai fondi PIS, il Parco svolgerà appieno il proprio compito di salvaguardia delle specie in pericolo», ha spiegato Giandiego Gatta, commissario dell’Area Protetta. Con la predisposizione dei terreni ad essere seminati con determinate colture, si intende dare la possibilità al capriolo di trovare “cibo nei campi” e di conseguenza a garantirne la specie. Il capriolo italico finora è riuscito a sopravvivere grazie al regime di protezione che da secoli caratterizza l’area della Foresta Umbra.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright