The news is by your side.

Domani 22 casting per attori in Fiera a Foggia

53

Per un giorno la Fiera di Foggia si trasformerà in uno studio per aspiranti attori. Giovedì 22 luglio, infatti, a iniziare dalle ore 10.00 fino alle 14.00, presso la Sala Consiglio dell’ente si svolgerà il casting per la ricerca di attori e comparse per il film “Il Villaggio di Cartone” del regista italiano Ermanno Olmi. Le selezioni sono aperte a uomini e donne africani di qualunque nazione, di età compresa tra 14 e 70 anni, con il permesso di soggiorno valido non scaduto o rinnovato, oppure che abbiano già presentato da almeno tre mesi la domanda di asilo politico o che abbiano cittadinanza italiana.
“E’ per me un grande onore mettere a disposizione la Fiera di Foggia per questo importante appuntamento – commenta il presidente, Fedele Cannerozzi -. Innanzitutto per il valore culturale dell’iniziativa, considerando che Olmi rappresenta il cinema italiano a livello internazionale e le sue opere sono significative del patrimonio culturale italiano. Poi per il valore sociale dell’opera. Il tema trattato dal regista in questo film, quello delle difficoltà legate all’immigrazione e i suoi risvolti sociali, è legato a filo diretto con la Capitanata, da sempre crocevia di flussi migratori, ma che spesso non è riuscita a dare una risposta adeguata in termini di accoglienza e legalità a quanti sono arrivati nella nostra terra in cerca di una speranza. Aprire il nostro quartiere fieristico a questa iniziativa significa iniziare a intraprendere quel percorso alternativo che abbiamo immaginato per la Fiera di Foggia, dove accanto alla mission classica di vetrina e spazio espositivo per le imprese classiche si fa largo la possibilità di rendere questa struttura luogo di incontro di culture e fermenti sociali che possono sicuramente vitalizzare il nostro territorio dando valore aggiunto alla nostra attività di promozione territoriale”.
 
Scheda del film (a cura della Cinema Undici)
La sceneggiatura tratta di argomenti di forte attualità: immigrazione, rifugiati politici, paura del diverso, accoglienza, l’incontro tra le culture di due grandi continenti, quello europeo e quello africano. Protagonista del film è un anziano prete, dapprima sopraffatto dalla paura di accogliere coloro che non conosce, di chi è connotato da subito come irregolare, clandestino, per poi schierarsi con loro dando nuovo senso alla sua missione.
La narrazione non evidenzia solamente il più appariscente e talvolta scontato problema razziale, ma soprattutto il dialogo tra religioni che, quando si liberano dal gravame delle chiese come rigide istituzioni che separano rendono non solo possibile l’incontro e il riconoscersi ma suscitano anche condivise solidarietà.
Il film verrà realizzato con la partecipazione di Rai Cinema, con i Finanziamenti FUS-MIBAC, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e con la collaborazione della Apulia Film Commission e della Regione Puglia che incentivano la produzione nel tacco d’Italia, terra che da sempre è protagonista del fenomeno dell’immigrazione clandestina e dell’incontro tra popolazioni e culture.
Quanti fossero interessati al casting sono pregati di inviare una mail all’indirizzo ilvillaggiodicartone@gmail.com e inviare le proprie FOTOGRAFIE, indicando anche i seguenti dati necessari: Nome e Cognome, Nazionalità, Luogo di Nascita, Data di Nascita, Altezza, Telefono e/o cellulare.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright