The news is by your side.

Peschici/ Al Gusmay Resort Rocco Cautillo, “una gioia continua e grandissima”

7

Incontri al tramonto – questa sera alla Sala Fenice.

 

22 anni e già finalista a un Premio Letterario. Magari nella sezione riservata alle giovani rivelazioni, ma pur sempre un riconoscimento dal blasone nobile come il Campiello Giovani. Rocco Cautillo, pugliese doc, è foggiano di origine e affonda le sue radici in quella frangia del Subappennino Dauno che si allarga tra Sant’Agata di Puglia ed Ascoli Satriano.
Terreno fertile artisticamente, ricco di tesori archeologici e di talenti letterari, tra cui citare Maria Teresa Di Lascia (Premio Strega 1995 – “Passaggio in ombra” ) o il pre-modernismo del pittore Leon Marino,  Michele Placido o i Grifoni policromi di Villa Faragola è solo un tratteggio a trama larga dello stimolante contesto storico, intellettuale e culturale in genere, che alimenta la vena ispiratrice della promessa Cautillo.
L’opera prima “Una gioia continua e grandissima” è ancora inedita e tale resterà fino all’assegnazione del Premio, anche se è già certo che a rendercela leggibile saranno i tipi della Marsilio Editori.  Il felice incontro tra l’estro creativo e appassionato di un giovane emergente di Capitanata e la passione libraria della storica casa editrice veneziana. Un incrocio dal vago sapore filosofico, lungo calle e tratturi attraversati dal vento del sapere e dai refoli della passione letteraria.
Una storia comune ed intrigante che affronta il delicato tema dei sentimenti e in particolare di quelli generazionali. Lo spiraglio, tra una pagina e l’altra,  sullo stato d’animo dei giovani d’oggi. Una panoramica letteraria sul senso di paternità e sulle sue variegate sfaccettature, fino a scoprire anche quella che può celarsi nella figura educatrice di un sacerdote.
“Grande affabulatore. Un racconto scritto con una lingua tenera e dissacrante ricca di sorprendente moralità espressiva”. E’ il commento che i giudici del Campiello Giovani hanno dato al lavoro di Rocco Cautillo. Per conoscerlo meglio l’appuntamento è al Gusmay Resort di Peschici, che lo ospiterà questa sera alle 18,30, nel calendario degli Incontri al tramonto

 

 

 

 

 

Leggere è il cibo della mente
Quest’estate regalati

LA GRANDE IMPLOSIONE
rapporto sui viestani 1970 – 2007
il libro di ninì delli Santi

…”nulla è impossibile a Vieste
dove nulla è possibile”…

———————————————————-

LA CITTA’ VISIBILE
L’odonomastica di Vieste
dall’era antica ad epoca contemporanea
di Matteo Siena

in edicola o librerie
prenotazioni e spedizioni
0884/704191
oppure info@ondaradio.info

———————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright