The news is by your side.

Corte dei Conti: la Puglia sfora il patto di stabilità

10

– Sono 12 le Regioni a statuto ordinario che hanno rispettato i limiti del patto di stabilità. Una sola Regione, la Puglia, non ha rispettato il patto nei due saldi, cassa e competenza, mentre 2 Regioni, la Campania e il Molise non hanno rispettato i limiti del saldo di cassa. Lo afferma la Corte dei Conti nella relazione sulla gestione finanziaria delle Regioni nel 2008 e 2009 da cui emerge anche che tutte le Regioni a Statuto speciale hanno rispettato i limiti del patto di stabilità, tranne la Sicilia con riguardo al saldo di cassa.

Dalla relazione emerge anche che la sanità pubblica è il settore che incide maggiormente sulla finanza regionale assorbendo circa il 73% delle risorse. La dinamica di crescita della spesa corrente per il Servizio sanitario nazionale, che nel periodo 2000-2005 è risultata «molto spinta», subisce invece un rallentamento nel 2009 (+ 0,4%).

FITTO A VENDOLA: ANCHE CORTE CONTI SPREGEVOLE?
«E vediamo se anche i magistrati della Corte dei Conti sono ventriloqui di Tremonti e fanno il tiro al bersaglio sulla Puglia! Le sciocchezze di Vendola sui ‘conti in ordine della Puglia’ non le smentisco io ma una magistratura contabile che è fuori dal dibattito politico». Lo afferma in una nota il ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto, in relazione alle affermazioni fatte dal presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, sulla mancata firma del piano di rientro della sanità pugliese.

«Vogliamo definire ‘spregevole’ la Corte dei Conti? – dice Fitto facendo riferimento all’aggettivo usato da Vendola per definire il comportamento del ministro – Coprirla di insulti? Dalla irresponsabilità di Vendola ci aspettiamo anche questo».

«Che la Regione Puglia abbia sforato per tre volte il Patto di Stabilità, un record negativo assoluto – conclude – peggiore persino della Campania, lo diciamo da tempo. Ora la Corte dei Conti lo conferma. Complimenti a Vendola che ha polverizzato il record di Bassolino!».

L’ASSESSORE AL BILANCIO: I CONTI SONO IN ORDINE E SE SFORIAMO IL PATTO E’ COLPA DEL DEBITO MERRILL LYNCH
«La Corte dei conti negli ultimi anni non ha mai censurato la situazione contabile della Puglia. Il Ministro confonde la violazione del Patto di Stabilità con la tenuta in ordine dei conti. Le due cose sono del tutto diverse, come è noto». Lo afferma in una nota l’assessore regionale alla programmazione e bilancio, Michele Pelillo, in riferimento alle dichiarazioni del ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto.

«I conti della Puglia, e questo lo apprezza anche la Corte dei Conti – afferma Pelillo – sono assolutamente in ordine. L’unico problema che emerge dal bilancio della Regione Puglia è il bond sottoscritto da Fitto e Palese nel 2003 e nel 2004 per 870 milioni di euro con la banca d’affari Merrill Lynch».

«Su questa operazione finanziaria – conclude – la Procura della Repubblica di Bari ritiene che la Puglia abbia subito un danno quantificabile tra i 20 e i 100 milioni di euro».

ASSESSORI PUGLIA: NOI NON FACCIAMO MUTUI COME FITTO, NESSUN DEBITO IN SANITA’
"La Regione Puglia non ha alcun debito in sanità e questa è la ragione per la quale il dato del quale stiamo parlando (quello della relazione della Corte dei Conti, ndr) per la Puglia, ha solo un significato statistico”. Lo affermano in una nota congiunta gli assessori regionali al Bilancio, Michele Pelillo, e alla sanità, Tommaso Fiore.

“Il dato esposto nella tabella di pag 343 della relazione della Corte dei Conti – è detto nella nota – è puro dato statistico che cumula progressivamente negli anni tutti i disavanzi finanziari delle regioni”.

“Per quanto concerne la Regione Puglia, al contrario di molte altre regioni – è detto ancora – i disavanzi sono sempre stati coperti o da mutui, come fecero Fitto e Palese nel 2003 e nel 2004, o da risorse del bilancio autonomo come ha fatto il governo Vendola da quando si è insediato”.

 

 

 

 

 

Leggere è il cibo della mente
Quest’estate regalati

LA GRANDE IMPLOSIONE
rapporto sui viestani 1970 – 2007
il libro di ninì delli Santi

…”nulla è impossibile a Vieste
dove nulla è possibile”…

———————————————————-

LA CITTA’ VISIBILE
L’odonomastica di Vieste
dall’era antica ad epoca contemporanea
di Matteo Siena

in edicola o librerie
prenotazioni e spedizioni
0884/704191
oppure info@ondaradio.info

———————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright