The news is by your side.

LA NOTTE DELLA TAMMORRA

6

A Napoli – 17/18 Settembre 2010 – ore 21.00 – Piazza Mercato.

 

Domani 18 Settembre  Michele Mangano e i Danzanova Ballet saranno gli ambasciatori del folk Pugliese nella capitale della musica popolare, Napoli, in occasione della X Edizione del Festival La Notte della Tammorra.
Dopo la lunga tournee estiva, che li ha visti presenti in numerosissime piazze e feste patronali in tutta Italia, I Danzanova  prenderanno  parte ad una delle manifestazioni storiche del nostro Sud, La Notte della Tammorra, ideata dal grande musicista Carlo Faiello, autore di brani per La Nuova Compagnia di Canto Popolare, Lina Sastri, Roberto Murolo, 99 Posse e tanti altri nomi del panorama musicale partenopeo.
E proprio Carlo Faiello e  la produzione di Rachele Cimmino Music Producer & Management, dopo aver vagliato i possibili candidati a rappresentare la Puglia hanno fortemente voluto che ci fosse Michele Mangano e la sua compagnia I Danzanova, dando così più ampio spazio alla danza. Mangano e i Danzanova eseguiranno una delle tarantelle più belle del Gargano, “O re re” , canto di corteggiamento di San Nicandro Garganico, “Danzanova” rielaborazione di Michele Mangano della tarantella di Monte Sant’Angelo, per poi spostarsi nel Salento con il rito della taranta eseguito sul brano “Smarrimento” di Carmelo Ottobre e rielaborata degli   Zimbaria, per finire con la tradizionale “Pizzicarella”. Non mancheranno versi e recitazione del M° Michele Mangano.
Grande l’entusiasmo di Mangano che ha affermato “Domani saremo gli unici a rappresentare la nostra Puglia e lo faremo con grande onore, alla presenza di grandi artisti, tra cui  il commediografo regista e scrittore M° De Simone con tutta la compagnia de La Gatta Cenerentola, e la cantautrice Lina Sastri, e mi impegnerò in ogni modo per farle cantare la nostra tarantella del Gargano”.
Quest’anno Mangano porta in tour il lavoro “Paisà! Ballo e canto per gli Emigranti” coadiuvato dall’orchestra PARTEPUGLIAPARTENOPEA. Un vero e proprio viaggio che parte dalla Campania e si sposta man mano verso il Gargano, il Salento , la Basilicata e la Calabria…un viaggio in tutto il Sud Italia ricco di tradizioni e storie  da raccontare, ovviamente non seguendo i soliti schemi della musica popolare, che a detta di Mangano “vedono un totale appiattimento della musica, visto che ognuno non fa altro che copiare il lavoro dell’altro e quindi inevitabilmente si sente sempre la stessa canzone!”, e dimostrando che i generi più diversi, se ben studiati possono convivere e generare dei connubi di qualità eccezionale come è successo appunto al nuovo progetto di Mangano. Anche quest’anno l’obiettivo della Notte della Tammorra, che si terrà a Napoli in Piazza Mercato il 17 e 18 Settembre dalle ore 21.00 ,  è quello di promuovere un Festival dedicato alla Tutela del Patrimonio Immateriale, alla difesa della Cultura Popolare; due giornate rivolte alla accoglienza e al confronto dei portatori di tradizione, dei costruttori di memoria, – artigiani, musicisti, associazioni e rappresentanti di comunità locali della Regione Campania, ma anche di tutto il Sud – che offriranno al pubblico campano e ai turisti un’occasione unica per testimoniare a favore del valore e dell’importanza della salvaguardia del patrimonio culturale della nostra terra.
Durante il festival si assisterà ad una sorta di “rassegna itinerante” in cui una Carovana di Paranze, armate di tammorre, putipù, nacchere, scetavaiasse e triccabballacche, si riapproprieranno dei vicoli adiacenti alla grande Piazza Napoletana – che negli ultimi tempi sta ridiventando Sito di attrazione culturale per il suo valore storico e turistico – mettendo a “soqquadro” il territorio con una straordinaria invasione di ritmi, canti e suoni tradizionali.
Sarà invece il palco situato nello spiazzo centrale che accoglierà il coinvolgente Concerto Grosso della “Notte della Tammorra”. E’ previsto un programma musicale ricco e articolato, a testimonianza di un significativo intreccio tra passato e futuro. Ci saranno fra gli altri gli storici gruppi de ‘E Zezi, gli Spakka Neapolis, Le Donne della Tammorra, I Solisti di Montemarano, nonché il M° Roberto De Simone con tutta la compagnia de La Gatta Cenerentola. Inoltre ci sarà il grande Carlo Faiello  che presenterà il suo nuovo CD .
Saranno infatti allestiti Stands per Mostre, Stages ed Esposizioni di Libri e Cd.
Si potranno scoprire “I Segreti della Tammorra”, attraverso la costruzione in tempo reale del tamburo a cornice, da parte di un vetusto costruttore come Riccardo Esposito Abate; ci sarà la possibilità di imparare , in modo gratuito, a coordinare i primi passi delle nostre danze tradizionali con insegnanti qualificati come Mariagrazia Altieri e ad apprendere le tecniche basilari, per un primo approccio all’utilizzo della Tammorra, grazie alla guida del percussionista Gianluca Mercurio.
Infine, si avrà l’occasione di assistere a Videoproiezioni di documentari che hanno fatto la storia della Cultura Meridionale, filmati come “La Taranta” di De Martino – Quasimodo – Mingozzi; Il Carnevale di Pomigliano d’Arco; Le Feste Popolari della Campania a cura di Silvio Siciiano, il diaporama “La Musica aiuta a vivere” dei fotografi Dervis e Tiziana Castellucci di Forlì


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright