The news is by your side.

I Trabucchi del Gargano cadono a pezzi…

3

La crisi dei giganti di legno, alcuni non toccano più l’acqua Istituzioni indifferenti.

 

Ogni stregone ha un apprendista, buono o maldestro che sia. Ogni trabucchista, ogni depositario di antichi valori, dovrebbe averne uno. E, i Trabucchi di Peschici, non godono di una buona generazione di apprendisti. Ora i trabucchi ci sono, l’associazione giunta al capolinea ormai un anno fa, ne ha ristutturato qualcuno prolungando di qualche anno, forse decennio, l’esistenza, almeno apparente, di alcuni di questi. Ma quando i vecchi pescatori non ci saranno più chi si occuperà di loro? Chi- come un padre affettuoso- si prenderà la briga di tenere in piedi dei mostri di legno e fil di ferro? Chi avrà la premura di ripararli dopo ogni mareggiata? Chi avrà la passione per continuare a calare la reti e passare le assolate giornate di agosto in attesa del branco di cefali? Peschici, oggi, ha cinque trabucchi: Montepucci, San Nicola, Manaccora, Gusmay e Bescile. Cinque famiglie ne tengono le redini. Tre sono vecchi timonieri, tre testimonianze storiche. Solo negli occhi dei tre si riesce a leggere la dedizione e la cura di questi per i velieri senza vele. Mimì alias “Battistone”, Elia Ranieri alias “U’marnais” e Giuseppe Marino alias “Chianchian”. Tutti arzilli giovanotti di oltre i sessanta, tutti con un occhio alla rete e l’altro alle previsioni del tempo. Finché ci saranno loro ci saranno i trabucchi di Peschici. Dopo, probabilmente saranno solo mere figure vuote, solo scheletri dileguo, grovigli di fili, e ricordi malinconici. O forse continueranno ad esserci. Forse qualche ente di accorgerà del declino di uno dei simboli del Gargano e deciderà di adottarli. Forse i comuni e il parco ( ma che stanno a fare lassù in montagna?!?!) si prenderanno la briga e un domani vedremo sindaco e presidente con tanto di banda al seguito tagliare il nastro di una delle passerelle o girare gli argani per mettere giù la prima rete. O forse i trabucchi saranno come quello che D’Anelli ha ricostruito a Rodi: una riproduzione miniaturizzata, statica, senza un anima, una sorta di monumento, un inno, a qualcosa che non c’è più. Ma quello di Rodi può essere giustificato. Oggi come oggi li su quei quattro massi- dove Carlo Battistone, il padre di Mimì nei primi anni venti del secolo costruì il trabucco per precedere il pescoso Montepucci- un vero trabucco non potrebbe esistere. Poiché, dopo lo scavo della ferrovia, i fondali si abbassarono troppo e, quindi, la pesca fu impraticabile, tanto che costrinse Battistone a smontarlo e portarselo a casa. La rete di metà dei trabucchi citati, già ora, non tocca l’acqua da anni. Alcuni non le hanno nemmeno le reti e continuano a promuoversi come unici trabucchi funzionanti- niente di più falso e menzognero in nome di una falsa ideologia di turismo-. Con lo sciogliersi dell’associazione Onlus “i trabucchi del Gargano” —che stava lavorando abbastanza bene- sarebbero stati i comuni di Peschici e Vieste e il Parco Nazionale del Gargano a prendersi la responsabilità o meglio il fardello di custodire i giganti del promontorio. Lo stanno facendo? Hanno intrapreso un minimo di progettualità? Stanno discutendo, riunendosi e cercando soluzioni? No. Tutti si riempiono la bocca di cultura e di storia del territorio- sotto elezioni- e poi se ne dimenticano completamente. I bambini delle elementari, delle medie e delle superiori di Peschici non hanno una minima idea di cosa sia, di come funzioni e dell’importanza sociale del trabucco. Si preferisce portarli allo zoo di Fasano ma non da uno dei tre per ascoltare le storie e mangiare un po’ di pesce decente. E così, la tradizione si perde. Le radici di un territorio cominciano ad essere divelte come i vecchi pali corrosi dalla salsedine che cedono alle mareggiate di uno dei trabucchi, quello. di Calalunga, di cui restano solo pochi pali. La famiglia non è più sinonimo di prosecuzione delle antiche tradizioni, le nuove generazioni hanno altri interessi, perseguono altre vie e così i giovanotti sessantenni non possono far’altro che aiutarsi l’un l’altro nelle riparazioni e nei consigli. Quello del trabucchista non è solo uno dei tanti vecchi mestieri che si perdono negli anni, ma un distinto pezzo di Gargano. Una fetta importante di storia, cultura, tradizione. Con il crollo e la mancata ricostruzione di uno crollano anche i sogni, i ricordi e le grandi pescate dei tempi passati, ma anche fantastici scorci e il disincanto del turista rapito da cotanto ingegno figlio di uomini con appena la terza elementare — nel migliore dei casi-. Se Peschici, il Gargano, perdesse i suoi trabucchi, perderebbe un pezzo di se stessa. E con la grande crisi del settore degli ultimi anni perderebbe una grande attrattiva oltremodo peculiare di questo territorio, ma anche una delle sue identità più forti.

Domenico Ottaviano Jr.
l’Attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright