The news is by your side.

Confesercenti: pneumatici fuori uso, nuova normativa pronta ad entrare in vigore

7

Partirà dal prossimo 7 settembre il nuovo sistema nazionale di gestione dei "pneumatici fuori uso (pfu)".  Lo prevede il Decreto 82 con cui il Ministero dell’ambiente ha adottato il Regolamento per la gestione degli pneumatici fuori uso, in attuazione dell’art. 228 D.Lgs n. 152/2006 e ss. integrazioni (Codice in materia ambientale), pubblicato su GU 131 dell’8-6-11, al fine di ottimizzarne il recupero e tutelare l’ambiente. La Confeserecenti di Foggia informa che in base al regolamento ministeriale chiunque immetta per la prima volta sul mercato pneumatici da impiegare come ricambio – eccezion fatta per i materiali espressamente esclusi dall’applicazione come le gomme da bicicletta, le camere d’aria e gli pneumatici per aeromobili – sarà tenuto ai seguenti obblighi: a) raccogliere e gestire annualmente, a decorrere dal 7 settembre p.v., quantità di pneumatici fuori uso che risultino almeno pari alle quantità immesse nell’anno solare precedente, dedotta la sola quota ISTAT di materiale ceduto all’estero per riutilizzo o ricostruzione; b) dichiarare annualmente alla competente autorità, entro il 31 maggio di ogni anno, la quantità e le tipologie di pneumatici immessi sul mercato del ricambio nell’anno solare precedente oppure da destinare al recupero o smaltimento, anche tramite gestori autorizzati; c) comunicare entro il 30 settembre di ogni anno alla competente autorità le stime degli oneri relativi alle componenti di costo per l’anno solare successivo, in base alle quali l’autorità stessa approverà l’importo del contributo ambientale di cui al citato art. 228 D.Lgs 152/06; d) raccogliere e gestire, con decorrenza 7 ottobre p.v., gli pneumatici fuori uso provenienti da veicoli a fine vita. Attualmente l’unico ente strumentale costituito ai fini del recupero degli pneumatici e la gestione dei PFU, a livello nazionale, promosso da produttori e importatori, è il consorzio ECOPNEUS. Dal prossimo 7 settembre il consorzio inizierà la raccolta, a titolo gratuito, presso gli operatori interessati (gommisti, distributori, officine meccaniche, demolitori…) che dovranno registrarsi nell’apposita area del sito di Ecopneus. Dopo la registrazione, che Confesercenti consiglia di fare immediatamente, il consorzio farà pervenire le modalità operative di raccolta dei PFU. Prosegue la nota di Confesercenti: "il nuovo sistema si basa su un contributo ambientale che viene anticipato dall’operatore (gommisti, distributori, officine meccaniche, demolitori…) al fornitore, costo che poi recupererà al momento della vendita al cliente finale. Il recupero avverrà in modo chiaro e trasparente in quanto i documenti fiscali di vendita dovranno recare ben specificato l’importo del Contributo Ambientale". Per maggiori informazioni Le aziende si potranno rivolgere presso le sedi Confesercenti presenti sul territorio provinciale.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright