The news is by your side.

A proposto dell’imposta di soggiorno

4

Riceviamo e pubblichiamo

 

Spett.le Redazione,
Ho seguito con interesse, attraverso la vostra pagina web, il dibattito che si è svolto sull’imposta di soggiorno. Sono un’insegnante precario di Torremaggiore, insegno in una scuola superiore di Vieste. Poiché le distanze e i collegamenti fra il mio paese e la vostra città non lo consentono, non posso fare il pendolare e sono quindi costretto ad affittare una casa per vacanze, fino al 31 maggio. Dal 1 giugno al 30 giugno, invece, alloggio in un B&B e talvolta anche qualche giorno a fine agosto, a causa delle riunioni e degli esami di “riparazione” che devono sostenere gli studenti. Ho appreso che fra le categorie esenti dall’imposta di soggiorno ci sono i lavoratori nelle strutture recettive di Vieste, non residenti. Con grande rammarico ho constatato che fra queste categorie, però , non sono previsti i lavoratori che per motivi, di lavoro sono “costretti” a venire a Vieste e quindi neanche gli insegnanti come me. Mi è stato riferito che è stata presentata, in tal senso,una proposta in consiglio comunale da parte del gruppo della dr. Giuffreda ( che non conosco) che prevedeva tale esenzione e che è stata respinta da tutti i consiglieri, mentre è stata mantenuta l’esenzione per quelli che lavorano negli alberghi. Vorrei ribadire che vengo a Vieste non per fare una vacanza, ma per lavoro e trovo profondamente ingiusto dover pagare una imposta di soggiorno, considerando il fatto che non usufruisco di alcun servizio di natura turistica e tantomeno di un trasporto urbano che mi consenta di arrivare alla scuola dove insegno, che si trova, come ben sapete, in periferia. Ogni giorno, infatti, devo chiedere il “piacere” a qualche collega o addirittura a qualche alunno di darmi un passaggio ,altrimenti devo andare a piedi. Non solo devo sostenere le spese di vitto ed alloggio per soggiornare a Vieste, ma addirittura devo anche pagare un’imposta di soggiorno per dover andare a lavorare. Mi sembra davvero troppo!!! Ma i vostri amministratori sanno a quanto ammonta uno stipendio di un insegnante precario?

Con cordialità
Michele Volgarino


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright