The news is by your side.

Vieste: Montecalvo: ” I PARCHEGGI A PAGAMENTO SONO IRREGOLARI!”

7

Le norme che stabiliscono l’istituzione dei parcheggi a pagamento, sono chiare e definite nella regolamentazione della circolazione nei centri abitati dal codice della strada (articolo 7 del decreto legislativo 30 aprile 1992, 285).

Chiara è anche la legittimità da parte degli enti pubblici di stabilire, previa deliberazione della giunta, di aree destinate al parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata al pagamento di una somma (articolo 7, comma 1, paragrafo F, del codice della strada).
Il Codice della strada all’articolo 7 comma 6 cita:
“Le aree destinate al parcheggio devono essere ubicate fuori della carreggiata e comunque in modo che i veicoli parcheggiati non ostacolino lo scorrimento del traffico”.
Ma cos’è la carreggiata?
La carreggiata, secondo la definizione riportata al n. 7, del comma 1, dell’art. 3 del nuovo codice della strada, è la parte della strada destinata allo scorrimento dei veicoli ed è composta da una o più corsie di marcia ed, in genere, è pavimentata e delimitata da strisce di margine.
Le suddette strisce di margine DEVONO OBBLIGATORIAMENTE ESSERE BIANCHE!
(Art. 141 Reg. Esec. Codice della strada – strisce di margine della carreggiata – I margini della carreggiata sono segnalati con strisce di colore bianco”).
Si deduce quindi che al limite della applicabilità dovrebbe esserci una linea bianca per delimitare la carreggiata e al suo interno una linea blu per segnaletica del parcheggio a pagamento.
Nel nostro Comune invece sono state dipinte solo le strisce blu!
Sarà stato per risparmiare?
Non credo visto che la realizzazione delle strisce pedonali, sebbene regolarmente pagate scoloriscano a tempo di record.
Sarà stato perché sui lungomare le strisce bianche non vengono fatte da anni?
In ogni caso la mancanza delle strisce bianche a delimitare la e carreggiate rende i parcheggi a pagamento irregolari!
Ma non solo.
Per la piena regolarità le aree di sosta a pagamento devono avere delle misure specifiche di 2.30 m X 4.50m oltre a dover lasciare 1.50 m per il transito dei pedoni e una distanza di 5m dagli incroci.  
Le strisce blu del Comune di Vieste NON rispettano neppure questi requisiti!
I parcheggi a pagamento a spina di pesce di Corso L. Fazzini e Via Santa Maria di Merino, ugualmente, non rispettano l’articolo 7 del codice della strada in quanto occupano la carreggiata limitando lo scorrimento nel traffico e riducendo di gran lunga il suo spazio, costituendo un pericolo costante, con l’inevitabile blocco della circolazione ogniqualvolta un’automobilista si trova ad uscire dal parcheggio in retromarcia, rendendo così annullabili le multe oggetto di ricorso.
Nell’ultimo Consiglio comunale del 26.06.2012, ho chiesto al Sindaco, senza ottenere chiaramente risposta, alcune delucidazioni:  
1) A chi sono imputabili le scelte tecniche e gestionali di dotare la nostra cittadina di zone di parcheggio a pagamento e quali sono stati i criteri adottati nell’individuazione delle aree interessate;
2) Se esiste un regolamento che disciplina la fruizione delle aree di parcheggio urbano;
3) Se, come previsto dall’art. 7 comma 1 lettera f del C.d.S., le relative condizioni e tariffe siano state fissate in conformità alle direttive del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le aree urbane;
4) Se l’Amministrazione stia valutando la possibilità di attenersi, finalmente, alle prescrizioni del codice della strada sopra richiamate, modificando immediatamente la/e delibera/e illegittima/e al fine di evitare l’esplosione di un contenzioso, evitando così che le scarse risorse comunali vengano ulteriormente prosciugate da un’altra lunga schiera di ricorsi;
4) Se e quali lamentele scritte siano pervenute al protocollo e se l’Amministrazione Comunale vi abbia dato riscontro
5) si chiede, infine, come in un momento economicamente così difficile per i cittadini, l’amministrazione comunale in carica faccia di tutto per aggravare di ulteriori costi le famiglie, prodigandosi audacemente ancora una volta a piegare al suo scopo le norme di legge.
P.S. Per il Sindaco e gli assessori la città è pulita, ordinata e tutto procede bene e, comunque, ove mai qualcosa non funzioni è colpa dei cittadini!
Un dato di fatto è chiaro da tempo, il paese è amministrato da  incompetenti e pasticcioni!                                   
                                                          Il Consigliere Comunale
                                                             Antonio Montecalvo

———————————————————————————————————————————————————–

 

Comunicazione Pubblicitaria

Venerdì 29 giugno ancora una serata MUMM CHAMPAGNE al Ristorante IL CAPRICCIO.
Non puoi mancare. Alla presenza degli ambasciatori Mumm, l’evento nasce dall’unione di uno dei più prestigiosi champagne e la grande cucina del Gargano.
Obbligatoria la prenotazione.

Ristorante Il Capriccio
Località Porto Turistico – Vieste
Tel. 0884 707899
www.ilcapricciodivieste.it


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright