The news is by your side.

Piano di riforma per la pesca sostenibile

4

Approvato a Strasburgo ed introduce, tra l’altro, il divieto di rigetto del pescato in mare. “Un cambiamento epocale che apre prospettive del tutto nuove, ma che non tiene in considerazione i diritti dei pescatori. Un paradosso”, commenta l’Assessore Angelillis.

 

Il Parlamento Europeo di Strasburgo ha approvato, il 6 febbraio scorso, la riforma per varare una nuova Politica Comune della Pesca che, una volta ratificata dagli Stati membri, dovrebbe garantire la sostenibilità del settore e metterà fine allo scarico a mare del pescato. La relazione sulla riforma, del deputato europeo tedesco Ulrike Rodust, ha ricevuto 502 voti a favore, 137 contro e 27 astensioni.
“E’ una politica che si basa – ha sottolineato la Commissaria Europea alla Pesca, Maria Damanaki – su uno sfruttamento delle risorse della pesca sostenibile, una politica che introduce un divieto di rigetto del pescato in mare, con date certe per porre fine alle pratiche di spreco che non possiamo più permetterci”. Quasi un quarto del totale del pescato finisce rigettato, cioè viene scaricata a mare quella parte di esemplari non desiderati o troppo piccoli. I “rigetti” sono formati quasi totalmente da pesci ormai morti e, per fermare questa pratica, i deputati hanno votato per obbligare i pescherecci a sbarcare tutte le catture, a partire dal 2014. I pesci più piccoli sbarcati, per esempio, saranno destinati a usi diversi dal consumo umano.
Il Parlamento Europeo inizierà ora la negoziazione con il Consiglio e la Commissione sui piani della riforma prima della seconda lettura. La presidenza irlandese del Consiglio ha più volte ripetuto che spera di raggiungere un accordo entro la fine di giugno.
“La politica della pesca intensiva, dannosa tanto per l’ambiente quanto per l’economia stessa del settore – commenta l’Assessore alle Risorse del Territorio e Sviluppo Economico del Comune di Manfredonia, Antonio Angelillis – va verso l’abbandono. Un cambiamento epocale che tiene in debita considerazione più fattori, ma non i diritti dei pescatori. Un autentico paradosso. Non sono loro la causa dell’impoverimento degli stock ittici. La delegazione italiana ha provato a mitigare nel tempo le nuove misure, senza ricevere accoglimento”.
“Serve tutelare la nostra marineria – conclude l’Assessore Angelillis – e tutti gli operatori del Paese, dissimile da quelli nordici a cui meglio si addicono le misure prospettate a Strasburgo. Fintanto che non sarà chiaro quanti e quali differenze esistono tra marinerie così diverse tra loro occorrerà continuare a lavorare per invertire la direzione presa dal Parlamento Europeo”.

 

 

————————————————————————————————————-

Informazione pubblicitaria

Ho fame della tua bocca, della tua voce,
sono affamato del tuo riso che scorre,
ho fame della pallida pietra
delle tue unghie,
voglio mangiare la tua pelle
come mandorla intatta.
Voglio mangiare il fulmine
Bruciato nella tua bellezza
E affamato vado e vengo
cercandoti.

Pablo Neruda

Ciao, credi nell’amore a prima vista.. oppure vuoi che ci ritroviamo al Capriccio?

Speciale San Valentino 2013 al Ristorante Il Capriccio
Giovedì 14 Febbraio Cena a lume di candela con musica dal vivo al prezzo di € 50,00 per persona tutto incluso.

Menù
   » Bollicina di benvenuto con ostriche e finger food;
   » Merluzzo mantecato in crosta di polenta salsa di acciughe e misticanza di verdure;
   » Risotto “rosso Valentino”;
   » Turbante di spigola con patate “fiammifero”, spinaci novelli in salsa zafferano.

Un dessert per due:
   » Cuore morbido di cioccolato bianco, con zuppetta calda di frutti di bosco e meringa;
   » Piccola pasticceria.

Vino:
   » Vini di nostra selezione.

E per i single?
Venerdì 15 Febbraio San Faustino Party: serata con Messaggeria, Karaoke e Premiazione per il Single dell’anno.

Ristorante Il Capriccio
Località Porto Turistico – Vieste
Tel. 0884 707899 – info@ilcapricciodivieste.it

Invia una richiesta o prenota la tua cena al Ristorante Il Capriccio!

—————————————————————————————————