The news is by your side.

Rodi/ Consiglio Comunale domani tra surroghe e rinunce

17

Seduta del Consiglio comunale di Rodi Garganico, domani alle 10; riu­nione che si preannuncia abbastanza in­teressante per gli sviluppi che potrebbero esserci a seguito delle dimissioni di espo­nenti sia della minoranza che della com­ponente dell’Esecutivo del primo cittadino, Nicola Pinto.

 Una situazione a dir poco surreale per il clima che si sta vivendo, da mesi, nel centro garganico a seguito dei preoccupanti episodi malavitosi che hanno colpito esponenti della maggioranza e minoranza determinando una sorta di fuggifuggi dai banchi della massima assise cittadina. Infatti, all’ordine del giorno la surroga dei consiglieri di minoranza, Giuseppe Ventrella e Carmine D’Anelli entrambi dimissionari, e la ve­rifica delle condizioni di eleggibilità dei consiglieri Michele Azzellino e Ar­turo Fabiani, della Lista "Ventrella Sin­daco".Confermato, quanto già era stato preannunciato, sia Azzellino che Fabiani, hanno ufficializzato la rinuncia al diritto di surroga, informandone anche il Prefetto, spiegando che "il ruolo svolto dal Sindaco e della maggioranza non abbia necessità alcuna di aver il controllo politico dell’op­posizione". Dovrebbero sedere in Consi­glio Corinna Panella e Gennaro Arpano ma il risultato sarà del tutto diverso; infatti, è stato già preannunciato che consegneran­no nelle mani del segretario comunale le lettere di dimissioni. Altra surroga a seguito della rinuncia a re­stare in amministrazione di Giuseppe Tavani, vice sindaco, dimessosi nei giorni scorsi sia da vice sindaco, che da consigliere. "Decisione sofferta sì, spie­gava Tavani, maturata dopo aver appreso che i com­ponenti della lista civica di minoranza "Ventrella Sin­daco" non accetteranno di subentrare in Consiglio comunale in sur­roga dei dimissionari Carmine D’Anelli e Giuseppe Ventrella. A seguito di tale situa­zione ritengo che siano venuti meno i pre­supposti di democraticità che contraddistinguono la nostra società ed ogni con­sesso comunale che si rispetti".

Francesco Mastropaolo