The news is by your side.

Foggia/ Garanzia giovani e sviluppo, oggi alla Provincia si firma il protocollo

23

Le istituzioni locali, le forze economiche e sociali, il mondo dell’istruzione e della formazione, gli ordini professionali del lavoro e il terzo settore si mettono in rete per utilizzare al meglio in Capitanata le opportunita’ offerte da Garanzia Giovani e per affrontare con più efficacia la grave crisi occupazionale che colpisce la provincia di Foggia. A tal fine, la Provincia di Foggia, la Camera di Commercio, l’Università, l’Ufficio Scolastico Provinciale, i Comuni che ospitano i sette centri per l’impiego, le Organizzazioni Sindacali, le Associazioni di categoria degli Imprenditori, gli Ordini professionali interessati ai temi del lavoro, i centri di formazione professionale e le Associazioni del terzo settore sottoscriveranno, questa mattina, alle ore 11.00 nella Sala della Ruota (Sala Giunta) di Palazzo Dogana, un Protocollo d’intesa che, partendo dagli strumenti introdotti da Garanzia Giovani, la misura europea destinata ai giovani che non studiano nè lavorano compresi tra i 15 e i 29 anni di età, si sforza di migliorare le opportunità di incrocio tra domanda e offerta di lavoro, che sono in Capitanata oltremodo critiche.

Il programma destina agli interventi attuativi 120 milioni e mezzo di euro alla Puglia, oltre agli ulteriori stanziamenti che saranno messi a disposizione dalla Regione per gli interventi promossi direttamente. Per il territorio provinciale, che presenta la maggiore incidenza di giovani neet tra le sei province pugliesi, non e’ soltanto importante ritagliarsi una quota il più possibile significativa degli ingenti finanziamenti disponibili, ma anche utilizzare gli stessi con tempestività ed efficacia, per raggiungere gli obiettivi del rilancio del mercato del lavoro e del consolidamento della occupabilità dei giovani.
 
Perchè ciò accada sono fondamentali sia il ruolo delle imprese (chiamate ad aderire a Youth Guarantee, così come i giovani interessati) sia quello degli altri soggetti interessati alla concreta attuazione delle misure a stare in rete, per migliorare la qualità degli interventi, ed incentivare la domanda di beni e servizi in Capitanata.
Per questo, già da diverse settimane Provincia, Camera di Commercio, mondo dell’Universita’ e della scuola, parti economiche e sociali, ordini professionali e terzo settore hanno intrapreso un comune percorso che approderà alla sottoscrizione del protocollo d’intesa.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright