The news is by your side.

Karate – Al 15° “Trofeo Funakoshi” a Barletta presenti anche gli atleti viestani

8

Importanti vittorie per i giovani atleti della Kensho Vieste accompagnati dall’istruttore Paolo Rinaldi
Anche quest’anno si è tenuto, nella Città di Barletta, patria del Maestro Savino Luce, il trofeo Funakoshi
giunto alla quindicesima edizione. La Città di Barletta si conferma città ospitale nei confronti di centinaia di atleti che son giunti dalle Regioni Puglia, Basilicata e Campania. Nulla è stato lasciato al caso, presenti i grandi maestri di sempre tra cui ricordiamo l’inossidabile
Maestro Angelo Torre, a cui il tempo sembra soltanto rendere più forte e saggio, il Presidente della federazione Fikta Basilicata e Puglia Maestro Angelo Potere, i supercampioni Mastro Nazario Moffa e Matteo Leone, il patron di casa Maestro Savino Luce. Quindici gli arbitri di gara, provenienti da varie regioni quali Puglia, Basilicata, Campania, Lazio e tra cui ricordiamo la nostra concittadina l’istruttore Antonella Brando. Gli atleti della Kensho Vieste, accompagnati dai genitori, dall’istruttore Paolo Rinaldi e dal Segretario della Kensho Vieste Sig. Nicola Coppolecchia hanno partecipato in molti sia allo stage, sia alla gara di katà e di kumitè, ottenendo ottimi risultati in tutte le categorie. Questi i nomi degli atleti Viestani: Santoro Silvano (cintura bianca), Falconero Michele (cintura gialla), Guerra Giuseppe (cintura
gialla), Malerba Antonio (cintura arancio), Riccardi Libera (cintura arancio), Quagliano Joseph (cintura arancio), Dies Marco (cintura verde), Lavella Angelo (cintura verde), Della Mava Nicolas (cintura verde), Minervino Chiara (cintura blu), Minervino Alessia (cintura blu), Riccardi Anna (cintura blu), Latorre Mirko (cintura blu), Sollitto Francesco (cintura blu), Sicuro Luca Samuele (cintura blu), Coppolecchia
Lucia (cintura marrone), Latorre Fabio (cintura marrone), Silvestri Samuele (cintura marrone), Latorre Paolo (cintura nera), Pastore Giovanni (cintura nera). Alla fine della gara tutti hanno ricevuto la medaglia e molti di loro sono saliti sul podio. Santoro Silvano terzo classificato, Falconero Michele quarto classificato, Malerba Antonio primo classificato, Riccardi Libera terzo classificato, Della Malva
Nicolas terzo classificato, Latorre Mirko primo classificato, Sicuro Luca Samuele primo classificato, Coppolecchia Lucia secondo classificato, Latorre Fabio terzo classificato, Silvestri Samuele primo classificato e Latorre Paolo terzo classificato. La preparazione dei nostri ragazzi è stata oggetto di attenta valutazione dal Direttore Tecnico della Kensho Vieste il Maestro Nazario Moffa e dal Maestro Angelo Torre. Una manifestazione ben riuscita dunque, nel pieno rispetto della tradizione Italiana di Karate Shotokan. Il karate non è semplicemente uno sport, bensì un’arte marziale vera e propria, una filosofia di vita. Gli atleti possono essere anche diverse centinaia e nessuno di loro resterà mai in panchina, tutti vengono coinvolti allo stesso modo e si sentono protagonisti di manifestazioni importanti come
questa tenutasi a Barletta. Agli atleti, sin da quando sono pulcini non si insegna a picchiare bensì si insegna a combattere usando la massima forza senza arrecare danni all’avversario. Si insegna a non provare odio nei confronti dell’avversario, a far tesoro e ringraziare anche nel caso
di una sconfitta affinchè sia possibile sempre migliorare ed affinare la propria tecnica di combattimento. Il karate insegna a mettere da parte pregiudizi, rabbia, e consente di migliorare i riflessi, i quali non sono soltanto nelle braccia e nelle gambe, ma sono soprattutto nella testa. I Maestri Angelo Torre e Nazario Moffa, insieme all’istruttore Paolo Rinaldi invitano bambini e genitori ad avvicinarsi alla pratica di
questa bellissima arte marziale, capace di dare grandi soddisfazioni sia a livello sportivo sia a livello sociale. Chi pratica karate riesce a divertirsi impegnandosi duramente. Generalmente, la pratica di uno sport da parte dei più piccoli risente il più delle volte delle scelte dei genitori, molto spesso orientati verso la scelta di discipline più diffuse a livello di informazione – mass media. Per questo il direttivo
della Kensho Vieste, i maestri, i genitori e gli allievi invitano tutti in palestra affinchè possano comprendere quanto sia bello e salutare la pratica di una nobile arte marziale come il Karate Tradizionale Shotokan.
 
Pietro Riccardi  


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright