The news is by your side.

Vieste/ “La brucellosi nel nostro territorio non è in situazione allarmante”

2

“ Il Gargano corre ai ripari contro la brucellosi”, le precisazioni del dr. Bartolo BALDI. Riceviamo e pubblichiamo.

 

 In riferimento all’articolo apparso questa mattina sulla Vostra testata giornalistica, mi preme sottolineare che fino ad alcuni decenni fa la presenza sul Gargano della brucellosi bovina ed ovicaprina, come pure della leucosi bovina e della tubercolosi bovina, che sono tra le principali malattie degli animali da reddito trasmissibili alle persone, era di gran lunga superiore alla situazione attuale. Tante infatti  le persone – per lo più allevatori – che, trascurando le più elementari morme igieniche e di asepsi, finivano in ospedale.
Oggi la situazione  non è più cosi’ grazie soprattutto a norme precise e severe imposte dal Ministero della Salute che ha reso obbligatorio il controllo di  sierologico di tutti gli ovicaprini  di età superiore ai sei mesi e tutti i bovini di età superiore ad un anno e  di tutti i vitelli di età superiore ai  45 con prova intradermica,secondo direttive decise dalla CEE
Ma veniamo al contesto chè più interesserà il cittadino viestano e i turisti. A Vieste e a Peschici – comuni dove personalmente svolgo la mia attività di veterinario  della ASL – la situazione attuale per tali malattie è a livello zero. Infatti nessun focolaio è attualmente aperto. E’ evidente che ciò non deve destare totale tranquillità né deve far abbassare i livelli di guardia. Tuttavia , se a correre il rischio è principalmente l’allevatore, oltre al singolo animale che – se infetto – deve essere abbattuto entro quindici giorni,non è detto che anche la persona che non abbia avuto nessun contatto con animali non possa essere colpita.In che modo? Esiste una forma rara ed accidentale attraverso il consumo di latticini freschi di provenienza sconosciuta o dubbia. Rimane questa l’unica possibile  fonte di contagio, oppure che vada a lavarsi le mani in abbeveratori dove presumibilmente abbiano bevuto animali infetti. Quale il suggerimento? Gli allevatori dovrebbero avere il buon senso di denunciare il possesso di tutti gli animali, esigendo il controllo veterinario qualora, per qualsiasi causa, non venga eseguito almeno una volta all’anno. E’ inoltre vietato l’acquisto incauto  da parte degli allevatori di animali privi di contrassegno di identificazione  o privi di certificazione che ne attesti l’avvenuto e favorevole controllo. E’ buona norma inoltre evitare continua promiscuità con  animali provenienti da altre zone, anche se gli stessi provengono da allevamenti riconosciuti sani. Animali nati e allevati nello stesso ambiente sono una delle migliori garanzie che non possano ammalarsi. Inoltre Il consumatore, prima di effettuare l’acquisto di latticini freschi, dovrebbero accertarsi della loro sicura provenienza e diffidare della detenzione di tali prodotti  in condizioni igieniche precarie.
Dopo di che auguro una buona estate ed una tranquilla consumazione dei nostri prodotti, che sicuramente sono ricchi di sole e di proteine.

Dr. Bartolo BALDI

 

 

 

——————————————————————————————————-

 

Informazione pubblicitaria/ Scopri la gran convenienza di FRUTTISSIMA

Da Fruttissima le occasioni all’ingrosso e al minuto che aspettavi.
Tanti differenti prodotti: dalla frutta, alla verdura al vino, patate, carote, legumi a prezzi all’ingrosso:

Ramato            0,90 al kg
Patate              0.50 al kg
Angurie            0,60
Meloni             0,80
Pesche, pesche noci, albicocche 0,90

Sono solo alcuni esempi

Nuovo Cash& Carry Fruttissima in via Bovio,6
I tuoi acquisti anticrisi.

Convenienza Fruttissima per il tuo ristorante, albergo, comunità.
Vieni a verificare…..in via Bovio a Vieste

—————————————————————————————————————


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright